Chiavari: "Pronto soccorso Lavagna, 300 accessi al giorno - LevanteNews
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Politica

Chiavari: “Pronto soccorso Lavagna, 300 accessi al giorno

Generico agosto 2022

Da Luca Garibaldi, consigliere e capogruppo del Partito Democratico in Regione Liguria

Ciao,

le immagini dell’efferato omicidio di Alika Ogochukwu a Civitanova Marche dovrebbero segnare un punto di non ritorno rispetto all’emergenza razzismo in Italia.

C’è chi ha ricordato il caso di Emmanuel Chidi Nnamdi, ammazzato di botte a Fermo da un ultrà e neofascista. C’è l’episodio di Macerata, nel 2018, con l’esponente della Lega Luca Traini, simpatizzante di Forza Nuova, che aveva sparato su cittadini marchigiani dalla pelle nera ferendone sei.

Come ha riportato Christian Raimo su L’essenziale “I brividi provocati da questo massacro sono amplificati dal vuoto che c’è intorno. La morte di Ogorchukwu risuona senza trovare nemmeno un’incarnazione in una forma collettiva. C’è un uomo nero, povero e disabile, ucciso; c’è un uomo bianco che lo ammazza a mani nude con una furia impietosa. La sensazione di gelo non è nella paralisi di fronte al massacro e ai telefonini che riprendono la scena, ma che anche a distanza di ventiquattr’ore non stia accadendo nulla: come sia possibile che non scatti immediatamente una reazione antirazzista di massa.”
E’ una posizione che condivido con estrema preoccupazione, sulla necessità di una reazione collettiva contro la violenza, contro i semi del razzismo strutturale che permea la nostra società e il discorso pubblico, fatto da fomentatori d’odio che anche in questo caso hanno virato la discussione sulla “sicurezza” e sulla “tolleranza zero” pur di non ammettere la crescita esponenziale della violenza razzista nella nostra società.

LA NOTIZIA DELLA SETTIMANA: LA DESTRA BLOCCA LA COMMISSIONE REGIONALE PER IL PNRR. Martedì scorso c’è stato un lungo consiglio Regionale. Toti ha colto l’occasione per giurare fedeltà alla destra di Meloni e Salvini anche a livello locale, dicendosi orgoglioso della sua squadra e del suo “modello di governo ligure”. Lo slancio moderato di Toti contro i populismi è durato pochi mesi, immagino compensato da qualche eletto in Parlamento per il suo movimento: ognuno va dove lo porta il cuore.

Ora, nel “modello di governo ligure” di cui Toti va tanto orgoglioso c’è anche la discussione sui fondi PNRR e su come impatteranno sulla vita dei liguri, sull’economia e sul territorio. Un percorso che ha visto una prima pessima figura con lo stop del bando di gara per la maggiore opera finanziata dal Piano, cioè la Diga di Genova.

Anche per questo, visto che mentre Toti va in giro a fondare micropartiti bisognerebbe monitorare l’attuazione del PNRR in Liguria, abbiamo riproposto una commissione ad hoc sul Recovery Fund, per approfondire i bandi, per monitorare la capacità di spesa.

La risposta? Un secco no. Perciò chiude l’esperienza della Commissione regionale: ad inizio legislatura il collega Consigliere Davide Natale ne era stato eletto Presidente, dimostrando quotidiana attenzione e serietà. Dopo un anno si doveva scegliere se rinnovare o meno. La scelta della maggioranza è chiara: non disturbare il manovratore: è evidente che non interessi, nonostante le dichiarazioni, portare avanti un confronto sui fondi del PNRR in Liguria.

STORIE DI ORDINARIA MALASANITA’ LIGURE. Ho inviato una lettera agli uffici di ALISA e al dipartimento salute della Regione per avere risposte precise in merito alla situazione negli ospedali liguri, specialmente nei pronto soccorso, per quanto riguarda il sistema di areazione. In queste settimane di caldo torrido, purtroppo, le segnalazioni di malfunzionamento dei sistemi di ventilazione si sono moltiplicate, come si sono moltiplicati gli accessi ai pronto soccorso proprio a causa dei malori provocati dal caldo estivo. Per questo ho chiesto un report dettagliato sulla situazione dei reparti, con una specifiche se in queste settimane siano state sollecitate o meno le singole per migliorare i sistemi di condizionamento dei reparti di degenza e quali azioni s’intenda mettere in campo per evitare ulteriori problematiche collegate all’impatto delle ondate di calore.

Nel frattempo, venerdì, ho fatto un sopralluogo  in pronto soccorso a Lavagna: barelle nei corridoi, carenza di spazi, personale stanco e preoccupato: è quello che ho visto questa mattina durante un sopralluogo al Pronto soccorso di Lavagna. Un reparto stracolmo – che fa oltre 200 accessi al giorno – con le persone stipate non solo nei corridoi, ma anche negli spazi laterali tra una sala e l’altra. Servono – come da tempo richiesto – soluzioni rapide e straordinarie.

DAL CONSIGLIO REGIONALE:  RENDICONTO BILANCIO E ASSESTAMENTO. La settimana scorsa si è svolta la seduta del Bilancio. Purtroppo anche questa volta assistiamo ad una regione che si occupa esclusivamente di ordinaria amministrazione, non il Bilancio di cui la Liguria avrebbe finalmente bisogno, fatto di investimenti e di progetti a lungo termine. Nessuna attenzione per la transizione ecologica e men che meno al problema – ormai evidente – del cambiamento climatico, nessun piano concreto di contrasto alla precarietà che in Liguria ha raggiunto percentuali pericolosamente alte, nessun investimento sulle vetuste infrastrutture scolastiche e ovviamente nessun tipo di sostegno alla sanità pubblica ligure, sempre più dalla parte dei provati.

Siamo di fronte a una Regione ferma, che galleggia, abbiamo presentato una serie di emendamenti per cercare di correggere al meglio l’impostazione di questa parte di lavori:

Supporto per il personale sanitario colpito da burnout dopo due anni di pandemia: la Giunta Toti ha deciso di bocciare la nostra richiesta. Chiedevamo di sostenere la realizzazione di uno studio sulle situazioni di disagio psicologico intervenute nell’ultimo anno fra il personale sanitario ligure e, allo stesso tempo, ampliare la conoscenza dei sanitari rispetto a questa sindrome a cui possono essere soggetti rafforzando all’interno dei luoghi di lavoro la presenza di figure specializzate per l’assistenza e il supporto di medici e infermieri. Alla Giunta Toti, evidentemente, non interessa lo stato di salute del personale sanitario;

Favorire l’accesso alla professione di operatore socio sanitario (OSS) abbattendo costi e barriere d’ingresso: la nostra proposta è stata approvata. Verrà usato un milione di euro di Fondi Europei FSE, per aprire un bando regionale a favore delle Agenzie formative al fine di realizzare corsi di formazione per OSS, figure fondamentali e particolarmente richieste per il funzionamento della Sanità pubblica;

Inserimento dell’Agenda di gravidanza nella comunicazione di ALISA: il nostro ordine del giorno è stato approvato, verrà quindi agevolato il percorso dei genitori fino alla nascita, erogando tutte le impegnative delle visite da fare nell’arco della gravidanza. Inoltre verranno date informazioni puntuali sulla programmazione di esami, screening e visite, evitando ritardi e disservizi e accompagnando le famiglie nella gestione della gravidanza;

Manutenzione e riqualificazione degli impianti sportivi: approvato all’unanimità il nostro Ordine del Giorno. In questo modo verrà rinnovato l’accordo di programma, ormai scaduto, tra Regione Liguria, FIGC Lega Nazionale Dilettanti e Comuni. Investire nelle strutture sportive, luoghi fondamentali per la formazione e per la crescita dei più giovani e per il benessere psico-fisico dei cittadini, è prioritario;

Creazione di un piano per la sicurezza degli operatori e dei pazienti nei Pronto Soccorso: approvato il nostro Ordine del Giorno. Si tratta di un primo passo per colmare carenze e difficoltà da troppo tempo trascurate.
Negli ospedali ormai si vive in costante emergenza e ci auguriamo che si attuino subito interventi strutturali e si crei una postazione fissa h24 di Pubblica Sicurezza o di Guardie Private in ogni sede di Pronto Soccorso ligure.

Nella seduta di domani invece tra i temi che tratteremo:
Sempre più spesso vengono riportati difficoltà nel servizio di continuità assistenziale (guardia medica), per questo ho chiesto spiegazioni in merito con un approfondimento specifico per la ASL4;

L’onda lunga della pandemia continua a colpire molti, specie dal punto di vista economico finanziario, con ripercussioni sui più giovani anche dal punto di vista scolastico, per questo ho chiesto coma la Giunta intenda muoversi per il contrasto alla povertà educativa e quali mezzi intende adoperare per il dovuto supporto alle istituzioni scolastiche liguri;

Più di un anno fa avevo presentato e fatto approvare all’unanimità una proposta di legge regionale sul NIPT TEST, uno strumento diagnostico all’avanguardia e senza pericoli per le donne in gravidanza. La legge permette a tutte le donne liguri, di qualsiasi età, di far riferimento a questo test in forma gratuita. A più di un anno di distanza non si hanno notizie sull’operatività della legge, per cui ne ho chiesto spiegazioni.

UNA FOTO, UN COMMENTO. Le fiamme avvolgono una casa raggiunta dall’Oak Fire nella contea di Mariposa, in California. Il 2022 è l’anno record degli incendi in Europa e nel mondo. In Italia, rispetto al 2021, sono aumentati del 159% le superfici colpiti: nel vecchio continente sono andati in fumo foreste grandi come l’intera Val D’Aosta.
Uno dei effetti del cambiamento climatico in corso, i cui impatti ormai sono evidenti anche per i più scettici.

IL CANALE TELEGRAM. Qui vi lascio il link al mio canale Telegram, assicuro pochi messaggi al giorno di aggiornamento della politica regionale e la privacy di chi vorrà iscriversi.