Levanto: estate col Music Festival Amfiteatrof - LevanteNews
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Il programma

Levanto: estate col Music Festival Amfiteatrof

Dal 28 giugno al 3 settembre 2022 la cittadina della Riviera ligure di Levante si trasforma in un grande palcoscenico per quindici spettacoli dal vivo

Dall’ufficio stampa

Dal 28 giugno al 3 settembre 2022 la cittadina di Levanto, nel cuore della Riviera ligure di Levante, diventa il grande palcoscenico del Levanto Music Festival Amfiteatrof, giunto quest’anno alla sua trentunesima edizione. levantomusicfestival.it

Con un programma che predilige l’alto valore artistico e culturale degli appuntamenti in programma, l’innovazione, le contaminazioni, l’attenzione per i giovani e l’integrazione con il territorio, il Festival propone quindici spettacoli dal vivo, attraverso le diverse declinazioni e i molteplici aspetti della musica.

“Per questa edizione del Festival abbiamo studiato un programma più concentrato che però non rinuncia ai capisaldi del Festival: qualità artistica, diversificazione, internazionalità e innovazione, con spazio all’interdisciplinarietà, alla cooperazione con altre realtà artistiche e istituzionali del territorio e al coinvolgimento dei giovani. La musica è quello strumento in grado di abbattere ogni tipo di differenza e barriera, unire popoli, culture e generazioni e ricordarci che insieme siamo tutti più forti” commenta Laura Canale presidente di Officine del Levante e direttrice del Festival.

“Mi piace immaginare Levanto come un grande palcoscenico in cui, nell’arco di due mesi, si rappresenta uno spettacolo intitolato “Levanto Music Festival Amfiteatrof”: un’officina creativa, articolata, imprevedibile, una porta aperta sul mondo della Musica intesa come spettacolo” prosegue Fausto Cosentino, direzione artistica del Festival. “Qui gli artisti presentando idee, esperienze, sperimentazioni, contaminazioni di generi, nuove proposte per offrire al pubblico un percorso variegato che si addentra nei meandri della musica nelle sue molteplici declinazioni e infiniti aspetti, offrendo occasioni di arricchimento culturale e spirituale.”

Al centro del cartellone, che vede protagonisti ospiti nazionali e internazionali, la musica classica con i concerti di Carlo Pignatta (2 luglio), Mara Luzzatto e Marco Vincenzi (27 luglio), Sergey Tanin e 3D Trio (17 agosto) e Orazio Sciortino (22 agosto), ma anche jazz con Das Quartett (30 luglio), barocco con il violino di Fabrizio Cipriani (18 luglio), musica elettronica in due giornate dedicate alla scoperta dell’Acusmonium Audior di Eraldo Bocca e Dante Tanzi (26 e 27 agosto), contemporary classic con le rivisitazioni del Wooden Elephant String Quintet (24 agosto), musica ligure e mediorientale del trio al femminile Laura Parodi, Mirna Kassis e Alessandra Ravizza (28 giugno), nell’alternarsi e combinarsi di strumenti moderni e tradizionali.

“Così come un cuoco prepara con dedizione e cura la sua tavola, noi abbiamo preparato il calendario del Festival cercando un equilibrio di proposte, immaginando il nostro pubblico assaporarle, pensando alle persone e ai luoghi e vedendo i musicisti come gli amici invitati alla nostra cena. Cosa ci sarà sulla tavola del Festival quest’anno? Spezie del Mediterraneo, sapori di abete e cipresso da antichi strumenti, il profumo di un buon libro, un bel pizzico di jazz, i frutti di alberi secolari, le follie di un elefante di legno, ritratti al pianoforte, gusti classici di torte viennesi, passioni argentine, un tris di assaggi fra musica, arte e teatro; infine, un pizzico di elettronica per chi ama assaporare cose nuove. Gli ospiti saranno i benvenuti. È così che ritorna l’allegria e la fiducia nel mondo.” – ha aggiunto Tiziana Canfori, direzione artistica del Festival.

Ad arricchire il Festival, confermando la sua anima interdisciplinare, appuntamenti speciali che uniranno alle note musicali anche l’arte del teatro e della letteratura. L’8 luglio e il 10 agosto due serate in compagnia dell’attore Pino Petruzzelli: “Liguria delle Arti fa tappa a Montale” permetterà di riscoprire la bellezza architettonica della Pieve di San Siro di Montale, affascinante pieve medievale sulle alture di Levanto, anche attraverso brani recitati da Petruzzelli e l’accompagnamento musicale; “La via degli alberi, un viaggio di Pino Petruzzelli” racconterà le storie di alberi secolari, accompagnati dalle note del pianoforte di Tiziana Canfori. Il 9 agosto invece si terrà il reading dell’opera “Novecento” di Alessandro Baricco da parte dell’attore Pietro Montandon, accompagnato dalle note del pianoforte di Dado Moroni, pianista jazz tra più richiesti in Europa e in America.

Levanto Music Festival propone quest’anno anche uno spettacolo di teatro musicale al suo debutto: sabato 16 luglio si terrà la prima di “Contrappunto”, spettacolo teatrale a tema musicale con Vittorio Ristagno e Andrea Benfante, testo e musica di Tiziana Canfori e regia di Fausto Cosentino, direttori artistici del Festival.

Con l’eccezione della Pieve di San Siro di Montale, a fare da contenitore e scenografia del Festival anche per questa edizione, pronto ad accogliere gli spettatori in totale sicurezza, l’Auditorium Ospitalia del Mare dove l’appuntamento è alle ore 21.30 per tutti gli spettacoli.

Si rafforzano infine le importanti collaborazioni con realtà artistiche del territorio, come Liguria delle Arti, Lunaria Teatro Genova, Centro Teatro Ipotesi, Festival internazionale di Musica da Camera di Cervo e Conservatorio Niccolò Paganini.

Levanto Music Festival porta avanti la tradizione del Festival Amfiteatrof, nato nel 1992 per celebrare Massimo Amfiteatrof (Maksim Aleksandrovič Amfiteatrov), violoncellista di fama internazionale che nei primi decenni del Novecento si trasferì da San Pietroburgo in Italia, a Levanto, catalizzando qui artisti e intellettuali russi esuli in Italia. La sua passione per la musica e per questo territorio è ancora oggi al centro della filosofia del Festival, che si dimostra capace di attrarre un qualificato pubblico nazionale e internazionale.

Dal 2019 il Festival è organizzato dall’associazione Officine del Levante e diretto da Tiziana Canfori e Fausto Cosentino. Levanto Music Festival Amfiteatrof ha il patrocinio del Comune di Levanto e il sostegno di Regione Liguria e Camera di Commercio Riviere di Liguria. È organizzato in collaborazione con Conservatorio Niccolò Paganini, Conservatorio Giacomo Puccini, Festival Internazionale di Musica da Camera di Cervo, European Music Competition di Moncalieri.

***

Spettacoli e artisti

MediterraneA Martedì 28 giugno ore 21. Auditorium Ospitalia del Mare

Laura Parodi, Mirna Kassis e Alessandra Ravizza: tre voci femminili che provengono da luoghi diversi raccontano il Mediterraneo attraverso la musica ligure e mediorientale. Ad accompagnarle, strumenti moderni e tradizionali: le cornamuse e i flauti di Fabio Rinaudo, i clarinetti, il sax, il chalumeau, l’ocarina e il fluier di Edmondo Romano, il violoncello di Salah Namek, la fisarmonica di Julyo Fortunato e le percussioni mediterranee di Olmo Manzano Anorve.

Parafrasando le parole di Montale, MediterraneA affascina come il mar Mediterraneo, un mare immenso e ricco di onde, diverse tra loro così come gli artisti che si alternano sul palco proponendo un caleidoscopio di ritmi, modi di canto e canti in lingue differenti a testimoniare l’incontro di culture che nei secoli è avvenuto solcando il Mare Nostrum e approdando in quei porti testimoni di incontri fra oriente e occidente. Da Genova e da un canto dedicato alla Lanterna partirà il viaggio musicale in cui il pubblico sarà accompagnato alla scoperta di affascinanti e suggestivi mondi musicali.

***

Carlo Pignatta, chitarra. Sabato 2 luglio ore 21. Auditorium Ospitalia del Mare

Vincitore dell’European Music Competition di Moncalieri, Carlo Pignatta si avvicina alla chitarra a soli 4 anni grazie alla guida di Elio Galvagno e fin da giovane partecipa a numerosi concerti di chitarra, esibendosi a Torino, Londra, Ginevra, Zurigo, Montecarlo, Firenze e altre importanti città d’Europa.

Il concerto, organizzato in collaborazione con il Circolo Culturale Saturnio di Moncalieri, organizzatore dell’European Music Competition, porterà in scena musiche di L. Brouwer, A. José, N. D’Angelo, N. Koshkin, R. Dyens e D. Bogdanovic.

***

Liguria delle Arti fa tappa a Montale. Venerdì 8 luglio ore 21. S. Siro di Montale

Creata da Pino Petruzzelli, la rassegna “Liguria delle Arti” nasce per coniugare la scoperta di beni artistici del territorio con letture poetiche ed espressioni artistiche e musicali. In questo appuntamento imperdibile, insieme al Festival Amfiteatrof, la rassegna incontra la Pieve di San Siro di Montale, sulle alture di Levanto. Qui verranno rappresentati brani che daranno voce alla bellezza architettonica della pieve medievale.

Al racconto della Pieve di San Siro curato dalla storica dell’arte Irene Fava, seguirà l’esecuzione di tre Mottetti sacri di Felix Mendelssohn-Bartholdy da parte del Senarega Vocalensemble del Conservatorio di Genova, diretto da Roberta Paraninfo. Pino Petruzzelli interpreterà, infine, alcuni brani tratti dalla sua opera “Storie di uomini e di vini”.

***

Contrappunto. Sabato 16 luglio ore 21. Auditorium Ospitalia del Mare

Levanto Music Festival propone quest’anno uno spettacolo di teatro musicale al suo debutto: “Contrappunto”, con Vittorio Ristagno e Andrea Benfante, testo e musica di Tiziana Canfori e regia di Fausto Cosentino, direttori artistici del Festival.

In scena un attore, un pittore e una musicista, le cui storie si intrecciano in modo casuale in una domenica d’agosto. Le azioni e le vite dei tre personaggi, ciascuno impegnato nei suoi progetti, si intrecciano come in un ironico contrappunto musicale. La combinazione di queste tre situazioni offre ai personaggi e al pubblico l’occasione per approfondire le relazioni con il proprio mondo e con quello degli altri. L’interpretazione dei ricordi personali subisce il filtro del tempo e della riflessione, così come l’interpretazione della vita altrui richiede il filtro della comprensione, dell’elasticità di pensiero e dell’ironia.

***

Fabrizio Cipriani, violino barocco. Lunedì 18 luglio ore 21. Auditorium Ospitalia del Mare

Fabrizio Cipriani, accompagnato dalla voce di Lorenza Cevasco, dal violoncello di Netanel Cipriani e dal cembalo di Tiziana Canfori, porta in scena un concerto che vede al centro il violino barocco e il piacere di fare musica insieme.

Nel programma anche una piccola serie di passacaglie, la forma di composizione su basso ostinato che affascina per la sua circolarità sempre variata e spesso per una spiccata drammaticità. Musica di Michele Mascitti, Giovanni Felice Sances, Georg Friedrich Händel, Heinrich Ignaz Franz Biber, Antonio Vivaldi, Johann Sebastian Bach.

***

Mara Luzzatto, flauto – Marco Vincenzi, pianoforte. Mercoledì 27 luglio ore 21. Auditorium Ospitalia del Mare

Entrambi genovesi e docenti del Conservatorio “Niccolò Paganini” con una carriera pluriennale nel flauto, Mara Luzzatto, e nel pianoforte, Marco Vincenzi, i due artisti portano in scena al Levanto Music Festival un concerto dedicato a tre grandi maestri della musica classica: Mozart, Beethoven e Schubert.

***

Das Quartett. Sabato 30 luglio ore 21. Auditorium Ospitalia del Mare

Formatosi nel 2011 in occasione della registrazione del disco “I gotta right to sing the blues”, Das Quartett è composto da Johannes Faber, voce, tromba e flicorno, Jan Eschke al pianoforte, Thomas Stabenow al contrabbasso e Matthias Gmelin alla batteria, uniti da una grande esperienza e lunga amicizia.

Al Levanto Music Festival Das Quartett porterà in scena un concerto di intenso jazz che includerà anche standard dell’American Songbook, Gospel e composizioni proprie.

***

Novecento di Alessandro Baricco. Martedì 9 agosto ore 21. Auditorium Ospitalia del Mare

Organizzato in collaborazione con Lunaria Teatro Genova, lo spettacolo porta in scena al Levanto Music Festival un reading con musica dal vivo dell’opera “Novecento” di Alessandro Baricco.

Al leggio l’attore Pietro Montandon, accompagnato dalle note del pianoforte di Dado Moroni, pianista jazz tra i più richiesti in Europa e in America.

Una storia emozionante, la storia di Novecento, musicista straordinario che vive la propria paura di affrontare il mondo, e noi condividiamo il suo timore e lo smarrimento, pur lottando per le nostre relazioni e gli amori, tentando di superare le nostre angosce. Far teatro, anche quando è solo lettura, è pur sempre farlo insieme e la complicità che scatta tra gli interpreti e il pubblico dà la forza di resistere e guardare al futuro con una “nota” in più di speranza.

***

La via degli alberi, un viaggio di Pino Petruzzelli. Mercoledì 10 agosto ore 21. Auditorium Ospitalia del Mare

Un testo di viaggio, di esperienze e di natura, ascoltando le storie di alberi secolari accompagnati dalle note del pianoforte di Tiziana Canfori. Realizzato in collaborazione con Centro Teatro Ipotesi, lo spettacolo nasce dal desiderio di Pino Petruzzelli di parlare della Natura, in particolare degli alberi e di quanto si può imparare da loro. Possiamo migliorare le nostre esistenze guardando come gli alberi collaborino con i nemici trovando reciproco vantaggio o come basino la sopravvivenza su reali forme di governo democratiche in cui non esistono organi di comando ma forme di cooperazione attiva e di intelligenza distribuita. In un momento come quello che stiamo vivendo, si può imparare a ripartire guardando alla Natura. Lo spettacolo è quindi un invito alla riflessione attraverso il teatro, un teatro di profondità e leggerezza, proprio come la vita.

***

The Wisteria Suites. Venerdì 12 agosto ore 21. Auditorium Ospitalia del Mare

Concerto della cantante ligure Mila Ogliastro, accompagnata da Andrea Pozza al pianoforte, Nicola Bruno al basso e Giorgio Griffa alla batteria. Nel suo esordio discografico, la cantante, compositrice e arrangiatrice propone alcuni brani originali che guardano nella direzione del jazz contemporaneo, alcuni “grandi classici” del repertorio del rock internazionale (Police, Janis Joplin, Beatles e Queen) e un’intensa versione di “‘Na Stella” di Fausto Mesolella, compianto chitarra degli Avion Travel.

***

Sergey Tanin e 3D Trio. Mercoledì 17 agosto ore 21. Auditorium Ospitalia del Mare

Il concerto, organizzato in collaborazione con il Festival internazionale di Musica da Camera di Cervo, mette in scena quattro artisti internazionali: Sergey Tanin, pianista russo vincitore del terzo premio e del premio del pubblico per la sua interpretazione del 1° Concerto per pianoforte e orchestra di Brahms all’edizione 2018 del Concorso “Géza Anda” di Zurigo, e il 3D Trio composto da tre musicisti di fama mondiale: Dan Zhu al violino, Diemut Poppen alla viola e Danjulo Ishizaka al violoncello.

I quattro artisti si esibiranno in musiche di Ernst von Dohnanyi e Johannes Brahms.

***

Ritratti incrociati. Lunedì 22 agosto ore 21. Auditorium Ospitalia del Mare

Concerto di pianoforte di Orazio Sciortino, con musiche di Franz Liszt, Ferruccio Busoni e proprie. L’idea di danza rappresenta la filigrana di questo programma da concerto e unisce idealmente le figure di Liszt, Busoni e in un certo senso la musica di Sciortino. Antiche canzoni, ritmi, timbri di strumenti che sembrano provenire da mondi lontani sono parte di un itinerario creativo fatto di suggestioni sonore provenienti da luoghi che albergano più nella dimensione del sogno che in quella della memoria.

***

From Schubert to Björk. Mercoledì 24 agosto ore 21. Auditorium Ospitalia del Mare

Concerto del Wooden Elephant String Quintet, composto da Aoife Ní Bhriain e Hulda Jónsdóttir al violino, Ian Anderson alla viola, Stefan Hadjiev al violoncello e Nikolai Matthews al contrabbasso. Wooden Elephant è un quintetto d’archi specializzato in contemporary classic, che dedica parte della propria attività alla re-immaginazione e rivisitazione di alcuni album di musica elettronica, che ripropone sotto forma di suite strumentali totalmente acustiche. Il gruppo ha collaborato in qualità di artisti in residenza con Podium Festival Esslingen (Germania), uno tra gli eventi più apprezzati e riconosciuti a livello europeo nell’ambito della musica contemporanea e della programmazione artistica cross-over. Ha prodotto 3 album series e si è esibito in Festival e teatri come Berlin Konzerthaus, Philharmonie de Paris’ Days Off Festival, London Jazz Festival, Schleswig-Holstein Musik Festival, e Beethovenfest Bonn.

Il concerto è organizzato in collaborazione con il Festival internazionale di Musica da Camera di Cervo.

***

Audior: un’orchestra di altoparlanti. Venerdì 26 e sabato 27 agosto ore 21. Auditorium Ospitalia del Mare

Due giornate per offrire una full immersion nella musica elettronica con l’Acusmonium Audior di Eraldo Bocca e Dante Tanzi: laboratorio, incontri, concerto dei partecipanti, concerto Audior.

L’Acusmonium è un sistema di proiezione del suono nello spazio, disegnato per la prima volta a Parigi nel 1974 dal compositore François Bayle. Si tratta di un’orchestra di altoparlanti destinata all’interpretazione in concerto di musiche elettroacustiche con lo scopo di spazializzare il suono. I suoni vengono diffusi tramite altoparlanti di diverso colore timbrico, calibro e potenza, disposti in modo da organizzare lo spazio acustico secondo le caratteristiche della sala. Viene offerto quindi un ascolto di tipo immersivo.

Organizzato in collaborazione con la Scuola di Musica Elettronica del Conservatorio di Genova, coordinata da Eric Maestri e Sylviane Sapir. In collegamento con l’Electropark Festival di Genova.

***

In viaggio con il bandoneon. Sabato 3 settembre ore 21. Auditorium Ospitalia del Mare

L’estate del Levanto Music Festival si conclude con un concerto dedicato al violino di Valerio Giannarelli e al bandoneon di Gino Zambelli: due musicisti che, dopo aver maturato una solida carriera personale, decidono di unire le proprie esperienze proponendo un programma che ripercorra l’affascinante viaggio compiuto dal Bandoneon tra il XIX e il XX secolo. Nato in Germania nella prima metà del ‘800 per permettere l’esecuzione di musica sacra nelle piccole chiese di montagna, questo affascinante strumento viaggiò insieme ai migranti europei verso l’Argentina nei primi anni del ‘900, dove divenne strumento principe del tango argentino. Giannarelli e Zambelli propongono sonate per violino e organo di Johann Sebastian Bach, Georg Friedrich Händel, Heinrich Ignaz Franz Biber per poi presentare gli autori più rappresentativi del tango argentino, da Osvaldo Pugliese a Juan D’Arienzo, da Carlos Gardel al grande Astor Piazzolla.

 

 

 

 

Più informazioni