Sesta Godano: il cammino di Mangia Trekking verso la Lunigiana - LevanteNews
LA REDAZIONE
010 8935042 Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Alpinismo lento

Sesta Godano: il cammino di Mangia Trekking verso la Lunigiana

Nel “viaggio” attraverso le bellezze paesaggistiche di Sassalbo, compiuto dall’associazione Mangia Trekking, vi è stato modo di osservare un curatissimo vigneto che cresce in alta quota, fagiani, cavalli

Dall’associazione sportiva Mangia Trekking

Si racconta che Sassalbo ha sicuramente origini preistoriche, legate agli antichi Liguri Apuani, ma il suo sviluppo è avvenuto nel medioevo in quanto luogo di transito lungo la via che collegava la costa, dove sorgeva fino all’XI secolo il porto di Luni, e tutta la Lunigiana orientale alla Pianura Padana tramite il passo del’ “Ospedalaccio”. Così sempre alla ricerca di cose nuove da illustrare durante cammini, nonostante una giornata ben soleggiata, ma fredda e ventosa, alcuni amici del Mangia Trekking sono saliti a Sassalbo per contribuire a farla conoscere soprattutto come piacevole meta turistica dell’entroterra, tra il mar Ligure e la montagna Appenninica .

Un luogo ricco di tradizioni che ancora racconta tanto della storia delle genti che l’abitarono. Sassalbo, famoso “paese senza camini” nella valle dei gessi, ove un tempo ogni casa era un seccatoio per le castagne, che  rappresentavano il principale sostentamento alimentare per la comunità e forse la vera ricchezza del luogo. Nell’ultima camminata i partecipanti di Mangia Trekking, hanno osservato  non solo gli straordinari panorami dall’Appennino al mare, ma hanno anche potuto constatare ed apprezzare con vero interesse l’importante opera manuale compiuta nel tempo dall’uomo. Attività che  rappresentano ancor oggi, le tradizioni e storia di luoghi costruiti artigianalmente , siti quasi archeologici che  assolutamente devono continuare a sopravvivere, perché sono in effetti  veri e propri monumenti e/o musei a cielo aperto

Nel “viaggio” attraverso le bellezze paesaggistiche di Sassalbo, compiuto dall’associazione Mangia Trekking, vi è stato modo di osservare un curatissimo vigneto che cresce in alta quota, fagiani, cavalli, pranzare in mezzo a greggi al pascolo insieme ai loro campanacci e con i loro cani pastore maremmani, ed osservare qualche traccia di lupo, funghi e la maturazione di ogni frutto necessario per tisane e liquori. Sono queste attività di gruppo  che contribuiscono a socializzare, Bellissime opportunità  e iniziative per promuovere l’alpinismo Lento, quale eccellente attività sportiva, salutare, aperta a persone di ogni età. Infine i partecipanti si sono recati in un luogo panoramico in alto, da dove hanno potuto osservare il paese ed  apprezzare ancor più la sua caratteristica ed il suo fascino.

 

Più informazioni