Chiavari: omaggio dell'Economica a Elena Bono, un'antologia di poesie - LevanteNews
LA REDAZIONE
010 8935042 Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Letteratura

Chiavari: omaggio dell’Economica a Elena Bono, un’antologia di poesie

A cento anni dalla nascita della scrittrice chiavarese Elena Bono, la Società Economica ha stampato un'antologia di poesie presentata oggi.

In occasione del centenario della nascita della scrittrice, nella Sala Ghio Schiffini della Società Economica è stata presentata nel pomeriggio l’antologia di poesie di Elena Bono, pubblicata da Ares con il  titolo “Chiudere gli occhi e guardare. Cento poesie per cento anni”, curata da Francesco Marchitti, Silvia Guidi e Stefania Segatori, quest’ultima collegata da Roma tramite internet. Erano presenti il vescovo emerito monsignor Alberto Tanasini, l’assessore Fiammetta Maggio e i rappresentanti delle scuole chiavaresi a cui la Società Economica ha fatto dono del volume in oggetto.

Enrico Rovegno ha presentato i curatori e Daniela Franchi che ha letto alcune poesie, per dare voce ad Elena Bono.


Per compilare un’antologia occorre naturalmente effettuare delle scelte, compito non facile ma che consente di isolare i diamanti più luminosi. Particolarmente significativa la copertina in perfetta sintonia con le precedenti, con un particolare del quadro “Attesa silente” di Pino Mantovani.

Il ritratto di Elena Bono è emerso con forza sia dalle parole dei critici sia dai testi scelti e interpretati da una grande attrice. A lungo sottovalutata perché donna e cattolica, aveva una cultura ampia e profonda, una conoscenza dei classici straordinaria e un amore sincero per la musica. Senza dire della sua vocazione per la poesia al limite del misticismo. La Bono è come un fiume carsico che sembra scomparire ma poi emerge con prepotenza infatti la sua opera sta conoscendo un successo crescente. Non si tratta di parole belle ma “generative” come ha sottolineato Silvia Guidi. La poesia non è stata solo ispirazione ma visione profetica.Questa poesia in particolare è un antidoto contro la superficialità che corrode il nostro tempo.

 

Più informazioni