Portofino: il candidato sindaco senza manifesti e "santini" - LevanteNews
LA REDAZIONE
010 8935042 Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Elezioni

Portofino: il candidato sindaco senza manifesti e “santini”

Non un “santino”, non un manifesto, non un pieghevole con il programma. L’annuncio che domenica 3 e lunedì 4 si vota in un unico seggio, è affisso all’esterno del “teatrino” e del “municipio”. Matteo Viacava, candidato sindaco di Portofino al secondo mandato, non ha speso una parola con i 361 residenti (bimbi compresi) per chiedere il voto. Per altro è candidato unico e per essere eletto dovrà conseguire il 50 per cento più uno dei voti. Ma questo non lo preoccupa affatto. La sua rielezione sarebbe stata scontata, con un risultato bulgaro, anche se avesse avuto un candidato antagonista.

I risultati conseguito durante la sua amministrazione sono noti: un altro anno di turismo boom che ha trainato anche quello del Tigullio occidentale; l’avere raggiunto il pieno possesso dell’autisilo e la gestione diretta di porto, Castello Brown e posteggio di Paraggi.  Più incredibile ancora avere unificato le varie anime del paese di cui la sua lista elettorale è espressione.

E’ noto anche il suo programma, trasformare in passeggiata green la carrozzabile 227 da Paraggi a Portofino grazie a un tunnel sotterraneo che il Comune stesso potrebbe finanziare. “La scommessa tuttavia – confida – è aumentare la popolazione di Portofino offrendo anche occasioni di lavoro”.

Quanto alla stagione turistica non sembra affatto di essere a fine settembre: posteggio quasi esaurito e le targhe delle auto dicono che i turisti sono quasi tutti stranieri; yacht da favola attraccati in porto e in rada barche da sogno e un veliero adibito a crociere di lusso. In piazzetta, sotto un caldo sole si parla soprattutto inglese. Quale migliore spinta per andare alle urne?