Parco dell'Aveto, Giornata del Patrimonio: gli eventi di domenica - LevanteNews
LA REDAZIONE
010 8935042 Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Domenica 3 ottobre

Parco dell’Aveto, Giornata del Patrimonio: gli eventi di domenica

Riguarda la Miniera di Gambatesa e Museo Mineralogico di Reppia.

miniera di gambatesa

Dal Cea Parco dell’Aveto

L’evento è stato inserito, a cura della Direzione generale musei del Ministero della Cultura, nel programma ufficiale delle Giornate Europee del Patrimonio (GEP2021) per l’Italia, nell’ambito di European Heritage Days, la più estesa e partecipata manifestazione culturale d’Europa: https://www.europeanheritagedays.com/ e intende valorizzare l’immenso patrimonio geominerario, di archeologia industriale, scientifico e culturale del Museo minerario di Gambatesa, attualmente chiuso al pubblico per lavori di ampliamento delle visite in sotterraneo. La giornata costituisce pertanto un’occasione eccezionale di visita di questo complesso, di cui è prevista la riapertura solo nei prossimi mesi, e prevede la visita straordinaria accompagnata e illustrata alle strutture e alle testimonianze ex-minerarie in esterno e con un breve tragitto interno, esclusivamente pedonale. Il trenino dei minatori, di cui si è quasi terminato il restauro in vista della riapertura del Museo, sarà visibile ma non verrà utilizzato: per quello vi invitiamo ad attendere la riapertura ufficiale! Darà la sua assistenza un po’ a tutto l’evento Felice Rapuzzi, uno degli ultimi minatori ad aver lavorato presso la Miniera di Gambatesa.

– REPPIA: APERTURA STRAORDINARIA DEL MUSEO MINERALOGICO – apertura dalle ore 10 alle ore 17 – VISITE GUIDATE, a cura di Donato Belmonte del DISTAV Università di Genova, dalle ore 10.00 alle ore 13.00.
– PERCORSO GUIDATO LUNGO L’ANTICO SENTIERO DEI MINATORI, DA REPPIA A GAMBATESA, a cura di Alfredo Franceschetti, esperto di storia locale e mineraria – PARTENZE (dal piazzale di Reppia): ore 10.30 e 14.30 (passeggiata di ca. 2.5 km; vestiario e calzature adeguati).

– MINIERA DI GAMBATESA: INTRODUZIONE ALLE ATTIVITA’ ESTRATTIVE E ALLA GEOLOGIA DELLA VALLE, illustrazione sul posto a cura del prof. Roberto Cabella del DISTAV Università di Genova, dalle ore 10 alle ore 13.

– MINIERA DI GAMBATESA: IL MUSEO MINERARIO E IL SUO PATRIMONIO DI BENI CULTURALI E DELL’ARCHEOLOGIA INDUSTRIALE, illustrazione sul posto a cura di Emery Vajda (GeoLogica Coop), geologo e Ispettore Onorario della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio della Liguria, dalle ore 10 alle ore 17.

– MINIERA DI GAMBATESA, VISITA GUIDATA A GALLERIA EX MINERARIA, a cura di Barbara Fontana, geologa – ingressi in continuo, dalle ore 10 alle ore 17, per gruppi di max 12 persone per volta (passeggiata in galleria sotterranea; vestiario e calzature adeguati).

Non mancherà un altro aspetto del patrimonio culturale locale, quello della cucina del territorio! Nel corso della giornata sarà operativo un mini-servizio bar (acqua, caffè, bibite) e la possibilità di assaggiare la “merenda del minatore”, piatto misto di prodotti locali prodotti e proposti dall’Agriturismo “I Pinin” di Chiesanuova di Ne (prezzo fissato € 9.00).

I dintorni della Miniera e tutta la Val Graveglia sono comunque noti per l’ottima cucina proposta da trattorie, ristoranti e agriturismi, che meritano già da soli una deviazione o il viaggio! È possibile consultare sul sito del Comune di Ne l’elenco delle numerose possibilità: https://www.comune.ne.ge.it/turismo-e-cultura/ricettivita/dove-mangiare/ Per gli amanti del picnic sarà possibile consumare merende al sacco nei tavoli appositamente messi a disposizione del pubblico presso la Miniera. In tal caso suggeriamo comunque di utilizzare i gustosissimi prodotti locali, acquistabili per esempio presso il Mercatino Agricolo della Valgraveglia (aperto a Conscenti di Ne il sabato mattina fino ad ottobre) o nei negozi di paese (verificare aperture domenicali). Info turistiche sugli eventi in vallata e più in generale anche sulla pagina FB della Pro Loco Val Graveglia https://www.facebook.com/prolocovalgraveglia/ o sul sito del Consorzio Ospitalità Diffusa “Una montagna di accoglienza nel Parco” https://www.unamontagnadiaccoglienza.it/