Emozioni a non finire al Ferraris: il Genoa fa 3-3 contro il Verona - LevanteNews
LA REDAZIONE
010 8935042 Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Pioggia di gol

Emozioni a non finire al Ferraris: il Genoa fa 3-3 contro il Verona

Sotto di due gol i rossoblu riescono a ribaltare il risultato con Criscito e doppietta di Destro ma nel recupero Kalinic riporta i suoi in parità.

Stadio Ferraris

Genoa: Sirigu, Cambiaso, Biraschi, Maksimovic, Criscito; Rovella, Badelj; Kallon, Melegoni, Fares; Destro. All. Ballardini.
Verona: Montipò; Casale Gunter Dawidovic; Faraoni, Tameze, Ilic, Lazovic; Barak, Lasagna; Simeone. All. Tudor

Impresa sfiorata dal Genoa, il Verona trova il 3-3 con Kalinic: al Ferraris, davanti alla proprietà americana, i rossoblu trovano un punto che permette di muovere la classifica e salire a 5 punti. Ballardini parte con un 4-2-3-1 affidandosi in difesa a Biraschi e Maksimovic centrali con Cambiaso e Criscito sulle fasce. In mezzo spazio a Rovella e Badelj con il trio Kallon, Melegoni e Farea a supportare Destro.

Il Genoa ci prova al 3’ con Criscito ma Montipò manda in corner. All’8 la gara si sblocca: Faraoni mette un bel pallone, Simeone anticipa Cambiaso e infila Sirigu per l’1-0. I padroni di casa non demordono e cercano il pareggio con Criscito ma la sua conclusione termina sul fondo. Non è l’unica conclusione del primo tempo: prima Cambiaso e poi Badelj cercano il gol senza inquadrare la porta. Si chiude qui il primo tempo.

Nella ripresa Ballardini toglie Melegoni e Cambiaso e inserisce Behrami e Pandev ma è ancora il Verona a trovare il gol: pestone di Maksimovic su Simeone e calcio di rigore concesso dall’arbitro dopo aver visionato l’azione al Var. Sul dischetto va Barak che spiazza Sirigu. Qualche fallo di troppo fischiato da Doveri ai locali scatena la protesta dei rossoblu con i gialli a Behrami e Pandev. Il Genoa cerca una reazione che però non arriva, anzi è ancora il Verona ad andare vicino al 3-0 prima con Kalinic e poi con Barak ma Sirigu è strepitoso e dice no. Al 76’ viene fuori un’altra gara: prima il 2-1 con Criscito su calcio di rigore per fallo di mano di Dawidovic, poi il 2-2 con Destro di testa su punizione di Rovella. Il Genoa spinge e va addirittura sul 3-2 ancora con Destro bravo a superare Montipò. Nei minuti di recupero però arriva la beffa: Kalinic tutto solo colpisce di testa e fa 3-3, un risultato che non cambia più fino al fischio finale nonostante una conclusione di Ekuba deviata da Montipò. Per il Genoa sabato la trasferta in terra campana, avversario la Salernitana impegnata domani a Reggio Emilia contro il Sassuolo.