Chiavari: storie reali e il successo di "Mio padre è un prete" - LevanteNews
LA REDAZIONE
010 8935042 Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Denunce

Chiavari: storie reali e il successo di “Mio padre è un prete”

Caligo
La nebbia che avvolge le storie

In Val Graveglia (quella del Tigullio) fino ai primi del Novecento l’informazione al calare della notte era annunciata da un corno-megafono da cui una voce ignota (si fa per dire) dall’alto di un pianoro trasformava in notizie tutti i pettegolezzi malevoli che circolavano in vallata; una vicenda, che registrò anche suicidi, conclusasi con un clamoroso processo per diffamazione in cui, tra accusati, parti lese e testimoni furono coinvolte una settantina di persone. Questo per ricordare che in ogni paese di campagna o in ogni cittadina di provincia ogni trasgressione (considerata tale secondo il mutare del comune senso del pudore) è risaputa e bisbigliata preceduta da un “mi hanno voluto dire” di latina memoria (“Relata refero”).

Maria Fumagalli, nata in Brianza nel 1985 e bravissima giornalista del Corriere della Sera, dopo avere pubblicato nel 1996 “Le donne dei preti. Amori, drammi, trasgressioni”, sta ora bissando il successo con “Mio padre è un prete. Storie, segreti tra conventi e sacrestie”. Un libro, nello stile della Fumagalli, senza traccia – come scrive Giampiero Rossi – di scandalismo, morbosità o pruriginosità. Un volume tuttavia che raccolta storie reali e il dramma di tanti figli che, una volta diventati adulti, hanno scoperto l’amara verità che riguarda ogni zona geografica.

Vendutissimo anche nelle lobreria del Levante. Anche se non vi troverete storie locali.

Più informazioni