Sestri: "Sì alla minoranza, tamponi in farmacia dall'1 ottobre" - LevanteNews
LA REDAZIONE
010 8935042 Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Dopo una mozione

Sestri: “Sì alla minoranza, tamponi in farmacia dall’1 ottobre”

Il sindaco di Sestri Levante ha accolto nei fatti la mozione dell'opposizione che chiedeva i tamponi nella farmacia comunale

mozione

Da Giancarlo Stagnaro capogruppo consiliare in Sestri Levante

Forse questa volta era davvero troppo grossa e per fortuna il Comune di Sestri Levante se n’è reso conto e ha dato retta all’opposizione. Dal 1° ottobre la Farmacia Comunale eseguirà i tamponi rapidi a prezzo calmierato, proprio come chiesto ieri da tutti i gruppi di opposizione.
“Apprendiamo con soddisfazione che il sindaco Valentina Ghio ha ascoltato la nostra segnalazione e si è attivata per imporre alla società mista pubblico/privata che ha in gestione la farmacia comunale la decisione di eseguire i tamponi rapidi anti Covid”, spiega Giancarlo Stagnaro, capogruppo di Fratelli d’Italia che ha firmato con il collega Marco Conti, i consiglieri della Lega Albino Armanino e Paolo Smeraldi e con il consigliere Gian Paolo Benedetti la mozione che impegnava in tal senso l’amministrazione.

“Fino al nostro intervento, nessuna farmacia di Sestri Levante eseguiva questi test diventati indispensabili ancor più alla luce del decreto del 16 settembre che impone l’obbligo del green pass su tutti i luoghi di lavoro – continua Stagnaro -. Era però grave e intollerabile che fosse una struttura si proprietà pubblica come la farmacia comunale la prima a non raccogliere l’invito del governo. Siamo contenti che il nostro intervento abbia aperto gli occhi al sindaco Ghio e che ora tutti i cittadini sestresi che desiderano ottenere il green pass ricorrendo al tampone, abbiano una farmacia sul territorio in grado di soddisfare le loro richieste. E di farlo soprattutto rispettando i prezzi calmierati di 8 euro per i minori e di 15 per tutti i cittadini, come imposto dal governo”.

 

Più informazioni