Camogli: visita guidata multilingue per le Giornate Europee del Patrimonio - LevanteNews
LA REDAZIONE
010 8935042 Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Visita

Camogli: visita guidata multilingue per le Giornate Europee del Patrimonio

Il Museo Marinaro di Camogli "Gio Bono Ferrari".

Da Bruno Sacella, direttore del Museo Marinaro “Gio Bono Ferrari”

Il nostro Museo parteciperà alle “giornate europee del patrimonio” indette dal Ministero della Cultura per i giorni 25 e 26 settembre 2021.

Nell’impossibilità di organizzare un evento che richieda l’utilizzo dello spazio a disposizione del pubblico, troppo ristretto per mantenere le distanze richieste, si è pensato ad una visita guidata multilingue, nella quale è stata inserita la proiezione di immagini relative all’avventura del veliero camogiese “Trojan” nel porto di Gulfport , con l’esposizione del quadro della nave del pittore W.H. Yorker, donato da Luigi Mortola (liggia), discendente dalla famiglia dell’armatore.

La nave a vela Trojan fu la prima unità a ormeggiare nel porto di Gulfport, appena costruito, per caricare legname per il Sud America. Arrivato nella rada di Gulport, il Capitano Avegno aveva trovato nel golfo  altre tre navi all’ancora, due norvegesi e una inglese,  i cui capitani si rifiutavano di entrare in porto in quanto non esisteva un canale d’accesso dragato e segnalato, non vi era una mappa, né un servizio di pilotaggio. Il Capitano Avegno che non voleva perdere né tempo né nolo, mise in mare la lancetta di servizio e con i suoi marinai scandagliò i fondali del limaccioso delta del Missisipì , trovò un passaggio praticabile per la sua grande nave e gettò per primo i cavi d’ormeggio sul “vergine molo” di Gulfort tra gli applausi dei cittadini e l’ossequio delle Autorità alla nave, al Capitano e alla bandiera italiana. Si offrì poi di pilotare in porto le altre tre navi straniere.

La vicenda, forse un po’ dimenticata a Camogli, è tornata d’attualità in quanto recentemente il Direttore del “Gulfport Museum of History” ha chiesto immagini e dati tecnici della nave per ricordare la vicenda, costruirne un modello in grande scala da esporre all’ingresso e designare come logo del museo un’immagine stilizzata del Trojan.
Come si vede, le gesta dei Capitani ed equipaggi della navigazione a vela camogliese sopravvivono nel tempo; anzi, c’è da aspettarsi che altri legami riaffiorino dagli anfratti più inaspettati e  noi saremo pronti a fornire ogni elemento che rechi conoscenza e gloria alla nostra grande storia marinara.