Portofino: “I parchi non sono strumento di scontro ideologico” - LevanteNews
LA REDAZIONE
010 8935042 Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Ambiente

Portofino: “I parchi non sono strumento di scontro ideologico”

Prosegue la polemica sui confini del futuro parco nazionale di Portofino. Gli argomenti sono sempre gli stessi

Parco Portofino

Da Alberto Girani per il Comitato Tutti per il Parco in risposta alla lettera del signor Davide Raggi

La lettera del Signor Davide Raggi di Recco esprime molti concetti condivisibili sul fatto che Recco rientri nel Parco nazionale di Portofino con un’area collinare al confine con Camogli, Rapallo e Avegno.
In particolare, però, ne esprime uno indirettamente, che  sentiamo di apprezzare profondamente.
“I parchi non sono né di destra, né di sinistra, non sono uno strumento di scontro ideologico!”
Sono bensì una forma di gestione condivisa del territorio per difendere l’ambiente e sviluppare le popolazioni locali. Forme che portano benessere e ricchezza ai territori interessati.
Proprio domenica scorsa sul quotidiano “La Stampa” Carlo Petrini ha perorato il recupero dell’entroterra, delle campagne, delle attività artigiane e agricole del nostro comune passato per rivitalizzare il territorio e tornare ad abitarlo con gioia e orgoglio.
Per questo sembra incomprensibile che alcuni Sindaci locali, coinvolti direttamente fin dal 2018 dal Ministero  nel processo di realizzazione del Parco Nazionale di Portofino, non abbiano voluto condividere con i cittadini i pro e i contro, i paventati  pericoli e le opportunità  e che addirittura oggi questi stessi Sindaci pensino di utilizzare soldi pubblici per ricorrere contro lo Stato, che viceversa si reso disponibile a un processo di condivisione delle regole di funzionamento del Parco, nell’arco dei prossimi mesi.

 

Più informazioni