Covid, la certificazione verde diventa obbligatoria: ecco dove - LevanteNews
LA REDAZIONE
010 8935042 Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Luoghi chiusi

Covid, la certificazione verde diventa obbligatoria: ecco dove

Il documento non è richiesto ai bambini sotto i 12 anni.

ristorante, pranzo, cena

A partire da oggi, venerdì 6 agosto, il Green Pass è obbligatorio in Italia in una serie di luoghi a rischio assembramento, per questo è necessario averlo con sé in formato cartaceo o digitale.

Il Green Pass (“Certificazione verde”) è un documento digitale rilasciato dal Ministero della Salute a chi:
▪️ è vaccinato, anche con solo la prima dose
▪️ ha ricevuto un tampone negativo al Coronavirus
▪️ è guarito dal Covid

La Certificazione è obbligatoria per accedere ai seguenti servizi e attività: bar e ristoranti al chiuso; spettacoli aperti al pubblico, eventi e competizioni sportive; musei, istituti, luoghi della cultura e mostre; piscine, centri natatori, palestre, sport di squadra, centri benessere, anche all’interno di strutture ricettive, limitatamente alle attività al chiuso; sagre e fiere, convegni e congressi; centri termali, parchi tematici e di divertimento; centri culturali, centri sociali e ricreativi, limitatamente alle attività al chiuso e con esclusione dei centri educativi per l’infanzia, compresi i centri estivi, e le relative attività di ristorazione; attività di sale gioco, sale scommesse, sale bingo e casinò; concorsi pubblici

Il Green Pass non è richiesto ai bambini sotto i 12 anni. Per i soggetti esenti sulla base di idonea certificazione medica verrà creata una Certificazione digitale dedicata, finché questa non sarà disponibile, potrà essere usata quella rilasciata in formato cartaceo