'Santa': domani alle 18 docufilm sul partigiano "Marzo" - LevanteNews
LA REDAZIONE
010 8935042 Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Storia

‘Santa’: domani alle 18 docufilm sul partigiano “Marzo”

Nel documentario anche un intervista allo stesso partigiano e alla figlia

anpi
La presidente Anpi di Santa Margherita-Portofino

Da Maria Grazia Barbagelata, presidente Anpi Santa Margherita Ligure – Portofino riceviamo e pubblichiamo

Venerdì 30 luglio alle ore 18, presso Spazio Aperto di via dell’Arco a Santa Margherita Ligure, verrà proiettato il docufilm “Marzo. Cronache di una vita”, regia di Diego Venezia, prodotto da Aicvas – Associazione italiana combattenti volontari antifascisti di Spagna e da Anppia – Associazione Nazionale Perseguitati Politici Italiani Antifascisti, con il patrocinio dell’ILSREC, Istituto Ligure per la storia della Resistenza e dell’età contemporanea.
Introdurrà la proiezione Giorgio Getto Viarengo, storico locale.
L’evento, organizzato da Anpi Santa Margherita Ligure – Portofino in collaborazione con la Biblioteca Comunale, si colloca in una serie di proiezioni tenuti dalle sezioni Anpi del Tigullio – Golfo Paradiso, in un arco temporale che va dal 25 luglio (caduta del fascismo) e che si conclude il 17 settembre (centenario della nascita di Aldo Gastaldi “Bisagno”).

Tratto dalla scheda del film:
Il docufilm racconta la storia di Giovanni Battista “Marzo” Canepa, protagonista della lotta antifascista ligure e internazionale. Nato a Chiavari nel 1896, è protagonista, nella sua avventurosa esistenza, di tutti gli avvenimenti più importanti della prima metà del ‘900. Dalla partecipazione alla Prima Guerra Mondiale alle lotte del biennio rosso; dall’opposizione al fascismo e la condanna al confino, prima a Lipari e in seguito a Ponza, alla partecipazione alla Guerra civile spagnola e il successivo esilio in Francia; infine la Resistenza, come commissario politico della divisione Cichero di cui era comandante Aldo Gastaldi “Bisagno”. Il documentario si propone non solo di raccontare questa straordinaria figura di combattente e la sua grande umanità, ma anche di delineare, attraverso la vita di Marzo, un affresco del Novecento, ripercorrendone gli avvenimenti sia nella loro portata internazionale che nella particolarità del contesto ligure. Il film si costruisce attraverso il racconto che Marzo fa della propria vita nei suoi due libri autobiografici, Le cronache di una vita e La Repubblica di Torriglia. Proprio la dimensione del racconto caratterizza il documentario, così come la vita di Marzo: non solo il racconto della grande Storia, ma anche i molti racconti delle piccole storie personali di chi la grande Storia ha attraversato e contribuito a formare. Il docufilm abbina testimonianze e contributi di storici a frammenti di intervista allo stesso Marzo e alla figlia Enrica Canepa.