Chiavari: in sicurezza la strada di Maxena-Sanguineto-Campodonico - LevanteNews
LA REDAZIONE
010 8935042 Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Strade frazionali

Chiavari: in sicurezza la strada di Maxena-Sanguineto-Campodonico

lavori
Il sindaco Marco di Capua

Dall’ufficio stampa del Comune di Chiavari

Proseguono gli interventi, iniziati la scorsa estate, relativi al progetto complessivo di ripristino delle condizioni di sicurezza della strada che collega i quartieri di Maxena, Sanguineto e Campodonico. Sono stati affidati i lavori del secondo lotto che prevedono l’installazione di una rete paramassi sulla parete a monte di un tratto di 300 metri di via per Campodonico, per proteggere la carreggiata da eventuali distacchi di materiale roccioso. Ad aggiudicarsi l’appalto la ditta CMCI S.C.AR.L Consorzio Stabile di Genova per un importo di circa 85 mila euro.

“Continua il nostro impegno per portare avanti le operazioni di messa in sicurezza dei quartieri cittadini. Dopo la realizzazione di molteplici interventi di manutenzione straordinaria in diversi punti, a Campodonico verranno installate specifiche reti paramassi su un versante pericoloso, con apposita pulizia delle superfici da rivestire e rimozione di tutte le parti smosse – commenta il sindaco Marco Di Capua – Inoltre, durante l’ultima seduta di giunta abbiamo approvato l’ennesimo intervento di consolidamento di via per Maxena, in prossimità del civ. 42, che prevede il contenimento del versante a valle strada, già oggetto di cedimento, attraverso una palificata in micropali, un nuovo guardrail e il rifacimento del manto stradale, oltre al ripristino del muretto che compone il ciglio – conclude il primo cittadino – L’amministrazione, infine, sta portando avanti anche il progetto, piuttosto articolato dal punto di vista burocratico in quanto è coinvolto un privato, per sistemare il cedimento di un muro in pietra che ha invaso la strada di Maxena, causando diversi disagi alla viabilità: le risorse sono già state stanziate a bilancio, attendiamo il via libera alla progettazione per partite quanto prima con il cantiere”.