"No al green pass, l'incentivo ai vaccini non sulla pelle dei pubblici esercizi" - LevanteNews
LA REDAZIONE
010 8935042 Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Pass sanitario

“No al green pass, l’incentivo ai vaccini non sulla pelle dei pubblici esercizi”

Fiepet Genova contraria a green pass per accesso ai locali: "Le pandemie si combattono con il buon senso, non con operazioni di facciata a scapito degli imprenditori privati".

ristorante, pranzo, cena

Il “piano Macron” preoccupa i gestori di bar e ristoranti. L’apertura del governo all’adozione di un pass sanitario, sulla falsariga di quello proposto dal presidente francese per consentire l’accesso ad aerei, treni e locali pubblici, trova il parere fortemente negativo dei commercianti.

“Siamo assolutamente contrari, non è possibile che le politiche di incentivo alla campagna vaccinale passino di nuovo sulla pelle dei pubblici esercizi – esordisce Alessandro Simone, presidente di Fiepet Confesercenti Genova -. Chi dovrebbe controllare l’effettiva validità del green pass? La responsabilità della verifica ricadrebbe di nuovo su baristi e ristoratori? Già siamo costretti a sostituirci ai vigili urbani per il controllo degli ingressi, ora non possiamo trasformarci anche in controllori sanitari”.

“Se la proposta dovesse essere effettivamente applicata – prosegue Simone – ci ritroveremo davanti all’ennesimo paradosso del liberi tutti nei supermercati e sugli autobus dove nessuno è in grado di far rispettare il distanziamento, e dei controlli alla frontiera per bar e ristoranti. Le pandemie si combattono con il buon senso, non con operazioni di facciata a scapito degli imprenditori privati”.

“Ricordiamo inoltre ai nostri governanti – conclude il presidente Fiepet – che il sistema francese si permette queste scelte perché ha indennizzato seriamente le attività nel periodo di lockdown, prova ne è il fatto che molti esercizi d’Oltralpe abbiano approfittato degli aiuti ricevuti durante la pandemia per ristrutturare i propri locali. Qui in Italia, invece, e soprattutto in Liguria, stiamo ancora aspettando i contributi a fondo perso promessi alla categoria”.

Da Fiepet Genova riceviamo e pubblichiamo