Green pass per trasporti e ristoranti: la Francia come modello - LevanteNews
LA REDAZIONE
010 8935042 Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Covid

Green pass per trasporti e ristoranti: la Francia come modello

La variante Delta circola con pervicacia e gli stati europei preparano le possibili contromisure: da agosto regole più stringenti per accedere ai luoghi pubblici.

Green Pass

Il modello è la Francia ed è dalle direttive impartite da Emmanuel Macron, presidente della repubblica francese che gli stati europei partiranno. Anche l’Italia sembra di quell’avviso, almeno stando alle parole pronunciate da Francesco Figliuolo in un intervista al Tg2. Il Commissario per l’Emergenza ieri sera ha aperto alla possibilità di applicare il Green pass anche per ristoranti, bar e trasporti al fine di dare una svolta ad una campagna vaccinale che anche in Francia sta rallentando. Macron lo ha spiegato a reti unificate: da agosto, nei ristoranti così come nei centri commerciali, su aerei, pullman e treni, come nei bar e nelle strutture mediche si accederà solo con il certificato verde.

E’ la variante Delta a preoccupare. In Italia il 45% dei cittadini ha ricevuto la doppia dose ma evidentemente siamo sulla soglia critica. E Figliuolo vuole convincere gli indecisi, aumentando gli open day e night: “Ma ci deve essere anche maggior coinvolgimento dei medici di base, pediatri e farmacisti, affinché rassicurino i rinunciatari. Il raggiungimento di questo numero di incerti è fondamentale per raggiungere l’immunità di gregge“.

Il governo si aspettava una risalita dei casi, che peraltro si sta manifestando con numeri più bassi del passato, ma adesso è il momento di vaccinarsi. Anche perché quanto i festeggiamenti per la vittoria dell’Italia all’Europeo potranno realmente incidere sui casi è tutto da vedere: “Il virus oggi se la ride, il vincitore della coppa purtroppo è lui”, diceva il direttore dell’unità di statistica medica e epidemiologia del Campus biomedico di Roma, Massimo Ciccozzi. Ad oggi in

Italia gli attualmente positivi al Covid sono 40.426, in calo di 655 unità nelle ultime 24 ore. Sono 73.571 i tamponi molecolari e antigenici per il coronavirus effettuati nelle ultime 24 ore in Italia, secondo i dati del ministero della Salute. Il tasso di positività è dello 1,21%, in aumento rispetto allo 0,97% di due giorni fa. Sono 158 i pazienti in terapia intensiva per il Covid in Italia: tre in meno nel saldo tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri, secondo i dati del ministero della Salute, sono 4. Ma i ricoverati con sintomi nei reparti ordinari, seppure di poco, tornano a salire: sono 1.149, in aumento di 15 unità rispetto a domenica.

Più informazioni