Calvari: i luoghi di Dante, le più belle fotografie - LevanteNews
LA REDAZIONE
010 8935042 Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Concorso

Calvari: i luoghi di Dante, le più belle fotografie

concorso su dante
Dal Centro culturale del Lascito Cuneo e dalla Pro Loco di San Colombano
Primo, secondo e terzo. Così, in quest’ordine, Nino Trifiletti, Paola Terzi e Giovanni Lavezzo sono risultati i primi tre classificati nel concorso fotografico “Intra Siestri e Chiaveri s’adima una fiumana bella” organizzato dal Centro Culturale del Lascito Cuneo di Calvari e dalla Pro Loco di San Colombano Certenoli.  Lo ha decretato la giuria “tecnica” formata da due fotografi, Paolo Viotti e Gianni Curotto, affiancati dall’arch. Enrico Queirolo, buon conoscitore della Fontanabuona e del Lavagna, il corso d’acqua che Dante ha eternato nel XIX canto del Purgatorio.
Questi i giudizi della giuria:  Nino Trifiletti “….per aver realizzato una bella sequenza di immagini che va a concludersi con la suggestiva ripresa del tramonto sull’Entella“; Paola Terzi “…per una attenta scelta delle immagini e per aver saputo interpretare i fascinosi aspetti della fiumana bella“; Giovanni Lavezzo “…per la particolare luce con cui ha saputo cogliere l’ambiente fluviale della Fontanabuona mettendone in evidenza alcuni scorci molto  suggestivi“.
 Tra tutte, la migliore fotografia è stata giudicata quella di Paola Terzi intitolata “Lasciatemi qui per sempre” ripresa lungo il Lavagna fra Cicagna e Calvari,  “equilibrata e armoniosa nella sua composizione e particolarmente suggestiva per la luce, i riflessi e i colori“.
Per i cinque tratti in cui era stata suddivisa la “fiumana bella” la giuria ha individuato le seguenti migliori foto:
di Alessio Solari “Cascatella sotto il ponte di Dante“, di Ilaria Schenone “Il rumore leggero. Cascata sul Lavagna a Gattorna“, di Paolo Mazzaron “La calma. Presso il ponte per Canevale“, di Roberto Carbone “Le acque si incontrano: Lavagna e Sturla uniti“, di Maria Cristina Bruzzo “Alla foce dell’Entella. Qui si conclude il cammino“.
La premiazione si è svolta nel pomeriggio di oggi in Piazzale San Lorenzo con i rappresentanti degli enti che avevano concesso il patrocinio alla manifestazione: Elio Cuneo consigliere della Città Metropolitana, Stefano Sudermania sindaco di Neirone e Sara Pastorino per il Gal Appennino Genovese.
Un particolare ringraziamento è stato rivolto alle trattorie che hanno messo a disposizione i buoni-premio destinati ai concorrenti per due persone ciascuno. Sembra giusto citarne i nomi:  “u Casun de Làrvego” (presso i Prati di Cichero), “Colomba” (a Mezzavalle di Cichero), “La Tagliola (a Carpenissone), “U Cantin” (a Camposasco), “I due somari” (a Botasi di Ne), “Il Caminito” (a Calvari), “INOsteria” (a Calvari), “Ape Bianca” (a Pregi di Cichero).