Santa Margherita, Toti: "Dobbiamo ripartire più forti, non c'è da perdere tempo" - LevanteNews
LA REDAZIONE
010 8935042 Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Abbazia cervara

Santa Margherita, Toti: “Dobbiamo ripartire più forti, non c’è da perdere tempo”

Al Forum Liguria 2030 il governatore: "La storia ci insegna che dopo le grandi catastrofi c'è sempre un momento straordinario per l'umanità".

Toti a Forum Liguria 2030

“Oggi abbiamo di fronte due nemici temibili: la burocrazia e la timidezza, che ha fatto tanti danni nel passato e che ancora oggi non fa partire la Gronda, una cosa intollerabile dopo quello che abbiamo vissuto. Su questo il modello Genova non ha fatto così tanta scuola come avremmo voluto e lo dico anche vedendo i provvedimenti legislativi di queste ore che spero possano essere migliorati. Ma abbiamo anche un’opportunità, che potrebbe diventare una catastrofe se non sapremo usarla”. Così il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti intervenuto in apertura della quinta edizione del Forum Liguria 2030, organizzato da The European House – Ambrosetti e da Regione presso l’Abbazia della Cervara a Santa Margherita Ligure.

“La crescita di tanti punti di Pil significa che alcuni cresceranno mentre altri deperiranno – prosegue Toti – perché il Covid li ha colpiti in modo ineluttabile. Dobbiamo saper trasportare il nostro sistema di garanzie, non di occupazione ma di occupabilità della persona, il nostro sistema di formazione professionale, tutto il nostro sistema economico verso il mondo del futuro. Dobbiamo saper trasformare il nostro modello economico e perché questo non sia accompagnato da una crisi sociale che non possiamo permetterci dopo il Covid, dobbiamo saper trasformare anche il nostro sistema di formazione professionale in modo che ogni cittadino viva questa trasformazione come un’opportunità e non come una minaccia. La storia ci insegna che dopo le grandi catastrofi c’è sempre un momento straordinario per l’umanità. Da qui dobbiamo ripartire – conclude – un po’ più forti perché il covid ha anche contribuito a temprare tutta la classe dirigente di questo paese. Credo che qui oggi ripartiamo bene perché lo facciamo dai numeri, che ci parlano di straordinarie opportunità che vogliamo cogliere senza perdere neppure un minuto”.

“Il Forum Ambrosetti ormai da anni ci aiuta a tenere la barra del timone dritta rispetto ai desiderata della politica – prosegue il presidente della Regione Liguria – con un timone, un cruscotto ben preciso di numeri, talvolta positivi o talvolta impietosi ma che ci hanno sempre indicato la rotta. Oggi stiamo uscendo dalla pandemia e abbiamo ritenuto importante confermare questo appuntamento per dare un segnale di ripartenza e per rimetterci in cammino. Abbiamo scelto di farlo in posto bellissimo che credo sia simbolico: si dice che la bellezza salverà il mondo, e credo che se cominciamo a saperla usare meglio forse salveremo anche un pezzettino della nostra economia”.

Dall’ufficio stampa di Regione Liguria riceviamo e pubblichiamo