“Il mio Comune è digitale”: presentato il progetto di BBBell per accelerare la digitalizzazione della Pubblica Amministrazione - LevanteNews
LA REDAZIONE
010 8935042 Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Bbbell

“Il mio Comune è digitale”: presentato il progetto di BBBell per accelerare la digitalizzazione della Pubblica Amministrazione

L’iniziativa è rivolta a oltre 1.300 comuni tra Piemonte e Liguria che potranno contare su una connessione internet ultra veloce ad un costo più basso di quello offerto dal mercato

bbbell, connessione

Velocità, stabilità e affidabilità. È stato presentato questa mattina “Il mio Comune è digitale”, nuovo progetto di BBBell, azienda torinese leader nel Nord Ovest nel settore telecomunicazioni wireless e fibra, volto ad accelerare il processo di digitalizzazione delle Pubbliche Amministrazioni, Comuni, Unioni Montane, Unioni Collinari, Scuole, Multiutility, Enti a partecipazione pubblica.

«La transizione digitale della Pubblica Amministrazione è uno degli asset principali nel programma del Piano nazionale di ripresa e resilienza del Ministero per l’innovazione tecnologica e la transizione digitale – ha dichiarato Simone Bigotti, amministratore delegato BBBell e sindaco del piccolo Comune di Borgoratto Alessandrino – . La strategia nazionale proposta prevede l’ammodernamento delle infrastrutture su tutto il territorio nazionale, lo sfruttamento del cloud computing e l’avanzamento della cybersicurezza, ma per realizzare un progetto di digitalizzazione è fondamentale disporre di una connettività a banda ultra larga veloce, stabile e affidabile, ma non solo, infatti deve essere anche disponibile da subito e avere dei costi che siano accessibili per i piccoli comuni».

«BBBell dal 2013 fà questo: si propone a privati, imprese, entilocali/PA come fornitore unico di servizi internet, telefonia fissa e servizi integrati (cloud, videosorveglianza, virtual server, centralino virtuale), sia in wireless che in fibra grazie ad una infrastruttura di rete capillare e di proprietà, arrivando a digitalizzare a 360 gradi i territori portando loro la connettività a banda ultra larga dove non c’è la disponibilità di fibra ottica e reti terrestri veloci – prosegue Bigotti – . Il progetto “Il mio Comune è digitale” nasce dal desiderio di fare qualcosa per i territori che serviamo, con cui abbiamo un rapporto diretto, e investire sui Comuni per favorire il processo di digitalizzazione delle PA in anticipo rispetto ai piani in essere. I Comuni piemontesi e liguri a cui è rivolta l’iniziativa sono oltre 1.300, 1.115 per il Piemonte e 201 per la Liguria, posizionati in digital divide e nei cluster C e D del Piano Bul (Piano Banda ultra larga), che avranno nelle proprie disponibilità sin da subito una connessione internet fino a 100 Mega».

 

BBBell si fa carico dei costi di investimento, 3 milioni e mezzo di euro, per la realizzazione della rete, oltre che di gran parte dei costi per il trasporto del servizio di banda ultra larga, consentendo ai Comuni che ne faranno richiesta, dando priorità a quelli che ne sono sprovvisti, di avere una linea ultra veloce a condizioni economiche accessibili e più basse di quelle offerte dal mercato. Il progetto, con una durata di 24 mesi, consentirà ai Comuni interessati di contrattualizzare e ottenere la connessione internet desiderata entro un periodo di tre settimane dall’avvio delle procedure: ogni Comune potrà così digitalizzarsi con un investimento non superiore ai 5.000 euro.

 

La banda ultra larga per la connettività sarà in wireless in tutti quei Comuni in cui non è ancora disponibile la fibra e, non appena questa sarà resa disponibile, BBBell garantirà la migrazione automatica sulla rete Open Fiber. Non solo connessione, infatti BBBell si occuperà anche di effettuare ulteriori interventi strutturali per potenziale il segnale e ampliare i servizi a banda ultra larga per le imprese e i cittadini dei territori interessati dal progetto.

 

«Nei prossimi giorni sarà lanciata anche la campagna “Democrazia Digitale” – ha anticipato l’Ad di BBBell – in quanto oggi l’accesso alla rete è un vero e proprio sinonimo di democrazia ed è fondamentale dare gli stessi diritti di lavoro e informazione a tutti i cittadini».

 

All’incontro hanno preso parte anche Michele Pianetta, vicesindaco di Villanova Mondovì e vicepresidente della sezione Anci del Piemonte, in qualità di moderatore e Gianluca Forno, sindaco di Baldichieri d’Asti e vice presidente Anci Piemonte con deleghe a Piccoli Comuni e Unioni di Comuni.

 

Più informazioni