Fake news, i giornalisti liguri a studiare il modello finlandese - LevanteNews
LA REDAZIONE
010 8935042 Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Promosso da odg

Fake news, i giornalisti liguri a studiare il modello finlandese

Fake news

L’Ordine dei Giornalisti della Liguria diventa esempio europeo per le buone pratiche sulla formazione internazionale dei suoi iscritti. I progetti di formazione internazionale dell’Ordine sono stati infatti inseriti tra le buone pratiche che la Federazione Europea dei Giornalisti EFJ https://europeanjournalists.org/ porterà ad esempio e metterà a confronto nel seminario in lingua inglese dal titolo “Trends, skills and training in journalism” che si terrà online il 23 e 24 giugno prossimi. Il seminario fa parte di un progetto sull’affidabilità e la qualità del giornalismo europeo, dal titolo proprio “Trust and quality in journalism”, incentrato sulla lotta alle fake news e sul miglioramento della qualità del lavoro giornalistico come elementi indispensabili per aumentare la partecipazione dei cittadini nei processi democratici e consentire loro di prendere decisioni informate e consapevoli. Obiettivo principale del progetto è la promozione di buone pratiche e la circolazione e il confronto di idee e punti di vista a livello europeo.

La buona pratica che l’Ordine Ligure dei Giornalisti illustrerà durante il convegno riguarda lo sviluppo di progetti europei, in particolare a valere sul Programma Erasmus+, per la formazione internazionale dei suoi iscritti e lo sviluppo di partenariati internazionali per la formazione dei giornalisti liguri all’estero. Il primo progetto, iniziato alla fine del 2020, riguarda proprio la lotta alle fake news e l’educazione del pubblico, soprattutto adulto; 33 giornalisti liguri andranno in Finlandia a studiare il sistema elaborato in quel Paese che risulta particolarmente efficace e pone la Finlandia in testa alle graduatorie internazionali per affidabilità dell’informazione e consapevolezza dei lettori. Al loro ritorno, i partecipanti trasmetteranno ai loro colleghi rimasti a casa le nuove conoscenze e competenze acquisite attraverso un corso di formazione ordinaria, che consentirà di massimizzare l’impatto all’interno della categoria.

Altri progetti Erasmus+ verranno sviluppati nei prossimi sette anni grazie alla valutazione positiva ottenuta dal piano strategico di lungo periodo per l’internazionalizzazione della formazione ordinaria presentato dall’Ordine Ligure, che garantirà fondi comunitari da utilizzare per la formazione all’estero dei suoi iscritti fino al 2027. Il seminario, tutto in lingua inglese, è stato inserito dall’Ordine Ligure nell’offerta formativa ordinaria e consentirà agli iscritti di ottenere i crediti formativi per l’aggiornamento professionale continuo.

Più informazioni