Recco: bar abusivo in lungomare Bettolo, ruspe presto in azione - LevanteNews
LA REDAZIONE
010 8935042 Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Politica

Recco: bar abusivo in lungomare Bettolo, ruspe presto in azione

Dallo staff di Carlo Gandolfo, sindaco di Recco, riceviamo e pubblichiamo

Approvato dalla Giunta comunale, su proposta dell’assessore ai Lavori Pubblici Caterina Peragallo, il progetto di fattibilità tecnica ed economica per la demolizione del prefabbricato abusivo, adibito a bar, in lungomare Bettolo e il ripristino dello stato dei luoghi “mediante la realizzazione di una nuova pavimentazione bituminosa in armonia con quella esistente”.

L’intervento dal costo complessivo di 30mila euro riguarda un’area demaniale marittima, all’altezza della passerella Cevasco, dove vige l’inedificabilità assoluta  (come previsto dal regolamento di Regione Liguria del luglio 2011) per consentire il rispetto dei vincoli urbanistici e paesaggistici a cui è sottoposta l’area. La vicenda del manufatto edilizio di lungomare Bettolo registra quindi una svolta. A seguito di un’alluvione, nel 1992 il bar venne autorizzato temporaneamente per un periodo non superiore ai dodici mesi, trascorso il termine di validità dell’autorizzazione il Comune sollecitò la proprietà con un ordine di  rimozione della costruzione. Negli anni successivi fu intrapresa una lunga ed articolata disputa legale tra l’Amministrazione comunale e la proprietà del manufatto abusivo conclusasi con l’ordinanza di demolizione e rimessa in pristino  del 16/01/2020, con la quale si obbligava i proprietari a demolire la struttura e ripristinare i luoghi entro 90 giorni. Il progetto dell’intervento è stato quindi elaborato dall’ufficio tecnico comunale in quanto i proprietari della struttura non hanno eseguito la demolizione nei tempi previsti dall’ordinanza. 

“Stiamo mettendo fine a una situazione che si protrae da circa trent’anni – commentano il sindaco Carlo Gandolfo e l’assessore Caterina Peragallo – abbiamo quindi deciso di intervenire concretamente riportando la legalità su quell’area”.

Più informazioni