Concluso a Sestri Levante l'Andersen Festival: il bilancio - LevanteNews
LA REDAZIONE
010 8935042 Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Evento

Concluso a Sestri Levante l’Andersen Festival: il bilancio

Gli appuntamenti sono andati sold out

La Baia del Silenzio di Sestri Levante durante l'Andersen Festival.

Nonostante il dolore che ha segnato in questi giorni tutta la comunità di Sestri Levante, il 24° Andersen Festival e la premiazione del 54° Premio Andersen-Baia delle Favole hanno avuto un grande segnale positivo da parte del pubblico che ha riempito tutti gli eventi proposti.

L’Andersen Festival, con 123 ospiti e artisti coinvolti, ha offerto 29 eventi per 75 repliche totali tra spettacoli, narrazioni, incontri letterari, concerti, artisti di strada, laboratori e letture, messi in scena nei luoghi più belli di Sestri Levante come la Baia del Silenzio, la Baia delle Favole, l’ex Convento dell’Annunziata, i ruderi di Santa Caterina, Palazzo Fascie e le strade, piazze e giardini della città dei due mari.

In contemporanea, l’Andersen OFF ha offerto al pubblico altri 18 appuntamenti tra mostre, letture di fiabe, laboratori, spettacoli teatrali e di danza, la tradizionale Festa della solidarietà e l’Andersen Baby Run, la gara podistica per giovanissimi corridori.

Gli appuntamenti – tutti gratuiti ma con prenotazione obbligatoria e posti limitati per garantire una corretta gestione delle normative di sicurezza sanitaria – in grande maggioranza sono andati sold out.

Il Comune di Sestri Levante e Mediaterraneo Servizi ringraziano la Confraternita di Santa Caterina per la messa a disposizione dell’ex oratorio di Santa Caterina e la Croce Rossa Italiana – Comitato di Riva Trigoso per aver eseguito durante il festival i tamponi a tutto lo staff tecnico e artistico.

“Fare l’Andersen Festival quest’anno non è stato semplice per tanti motivi. – dichiara la Sindaca di Sestri Levante, Valentina Ghio – Abbiamo comunque scelto di rendere onore a una manifestazione che rappresenta l’identità culturale di Sestri Levante, un evento in cui sia la città che il territorio si riconoscono da ventiquattro anni. Due mesi fa, dopo lunghe riflessioni e considerazioni, abbiamo deciso di mantenere questo appuntamento e di mantenerlo a giugno, come da tradizione, in presenza e garantendo la sicurezza a tutti, riducendo la capienza degli spazi e con prenotazioni obbligatorie per permettere un controllo totale. Insieme a Mediaterraneo Servizi, che ha curato tutta la produzione, abbiamo scelto le emozioni come tema di quest’anno del festival, declinando ogni evento sulle tante emozioni che questo anno e mezzo ha suscitato in ognuno di noi, in particolare nei bambini e nei ragazzi, tra i più penalizzati. Purtroppo, pochi giorni fa, siamo stati colpiti da una tragedia che ci ha lasciati attoniti: la scomparsa – assurda e inaccettabile – di una ragazza di Sestri Levante che oggi piangiamo come fosse figlia di tutti noi. Un evento che ci ha fatto fermare per riflettere se proseguire con il festival o no. D’istinto, quando abbiamo ricevuto la notizia, abbiamo annullato tutti gli appuntamenti di quel giorno per dare un segno di condivisione del dolore e di vicinanza.
L’Andersen Festival è soprattutto un dialogo con i bambini e con i ragazzi attraverso l’arte e la cultura, è uno sguardo sulla vita di tutti i giorni e sul futuro e, quest’anno più che mai, è anche una ripartenza del mondo dello spettacolo, anche lui – come i giovani – tra i soggetti più penalizzati dalla pandemia, e del territorio tutto. Abbiamo bisogno di andare avanti tutti insieme e di riportare armonia in un senso del vivere quotidiano. Tutti gli eventi dei tre giorni di festival mantenuti sono stati dedicati a Camilla, a cui non abbiamo smesso di pensare, non solo noi ma tutti gli artisti venuti a Sestri Levante per l’Andersen che, con grande delicatezza, discrezione e generosità hanno dedicato a lei un momento del proprio spettacolo. Grazie a tutti i partecipanti al 54° Premio Andersen-Baia delle Favole, di cui abbiamo premiato i vincitori, per le tante fiabe che ci hanno mandato e che ci hanno illuminato gli scorsi mesi.
E grazie a tutte le persone che, con grande impegno e professionalità, hanno lavorato in questi giorni e in questi mesi per rendere possibile questa importante manifestazione. L’appuntamento è per l’anno prossimo, con la speranza di poter tornare a vivere un nuovo Andersen Festival in tanti, più liberi, più sereni e più vicini”.

Dichiara Maria Elisa Bixio, Assessore alla Cultura del Comune di Sestri Levante: “Si chiude un’edizione carica di emozioni, in cui ognuno di noi ha cercato e trovato un momento intimo per esprimere i propri sentimenti in un tempo così particolare. Il messaggio che ci regala quest’anno l’Andersen Premio e Festival è sicuramente quello della condivisione che ci ha fatto ritrovare comunità attenta e sensibile. Il valore immaginifico delle fiabe ci riporta in una dimensione di sogni e infinita dolcezza chiedendo, per la 55 edizione, a chi ha fantasia e magia da donare, di contribuire a far crescere sempre di più il Premio Andersen-Baia delle Favole.”

Dichiara Lidia Ravera, Presidente di Giuria del premio: “Sono molto grata al Premio Andersen-Baia delle Favole perché, per il terzo anno di fila, mi ha fornito l’alibi per leggere decine e decine di fiabe e credo che questo faccia un gran bene alla salute: la struttura della fiaba è la struttura di qualsiasi narrazione, comincia tutto da lì ed è importante che i bambini abbiano voglia di ascoltarle, inventarle e scriverle. Le fiabe sono utilissime a tutti noi perché costituiscono un bagaglio di resistenza psichica e fisica utile nella vita: passano per la crudeltà, per le difficoltà, per il dolore ma arrivano sempre al lieto fine.
Forse la vera sfida per tutti noi è proprio quella di avere la forza e il coraggio del lieto fine, anche per questo abbiamo bisogno delle fiabe. “

Dichiara Marcello Massucco, Amministratore unico di Mediaterraneo Servizi: “Quando abbiamo pensato che si potesse fare un evento in presenza, anche per far ripartire la cultura e la città dal punto di vista turistico, era la metà di aprile, con la campagna vaccinale avviata. In sessanta giorni siamo riusciti a costruire un festival che di solito iniziamo a impostare cinque o sei mesi prima. È stato un festival di dimensioni ridotte ma di grande qualità, e soprattutto è stata una delle prime manifestazioni in presenza a livello nazionale. E le strade di Sestri Levante, che in questi giorni si sono riempite, come le spiagge, gli alberghi e i ristoranti, hanno dimostrato quanto tutti avessimo desiderio e bisogno di tornare a vedersi, a partecipare, a vivere qualcosa insieme, a condividere. Realizzare l’Andersen Premio e Festival quest’anno è stato particolarmente impegnativo e tengo molto a ringraziare gli sponsor che ci hanno aiutato, rendendolo possibile e senza il cui sostegno economico sarebbe tutto molto più complicato: Coop Liguria, Arinox, Sap, Iren, Camera di Commercio di Genova e Banca Carige. Infine, grazie a Marina Petrillo per la consulenza artistica e a tutte le persone che hanno lavorato a questa edizione dell’Andersen Premio e Festival: è stata anche l’occasione di lavorare di nuovo insieme, in presenza, ed è stata un’emozione per tutti far sì che gli artisti tornassero sul palco”.

Più informazioni