Avegno: "Naufragata l'unione con Uscio, le cause" - LevanteNews
LA REDAZIONE
010 8935042 Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Politica

Avegno: “Naufragata l’unione con Uscio, le cause”

Da Paolo Pinna, consigliere comunale Avegno riceviamo e pubblichiamo

 Con decisione assunta dal Consiglio Comunale di Avegno (con nostro voto contrario) in data odierna si è di fatto sciolta l’unione dei comuni della Valle del Tempo (dopo che identica delibera si era votata giovedi scorso nel Consiglio Comunale di Uscio) anche se tale decisione sarà efficace dal 2022.

Occorre subito dire che le giustificazioni di questa scelta addotte dal Presidente Franco Canevello, ovvero una carenza dei trasferimenti da parte degli enti sovraordinati necessari al sostentamento economico dell’unione, appaiono quantomeno ridicole perchè i contributi sappiamo tutti  sarebbero arrivati di pari passo al rispetto del cronoprogramma per l’unione delle funzioni principali, cronoprogramma che non è stato assolutamente rispettato visto che a distanza di sei anni NESSUNA delle funzioni è stata associata tra i Comuni.

L’unione nata nel 2015 (atto costitutivo del dicembre 2014), per i primi tre anni sotto la Presidenza del Sindaco di Uscio Giuseppe Garbarino aveva comunque raccolto alcuni frutti, si erano infatti realizzate importanti opere pubbliche; il sistema di monitoraggio ambientale in caso di eventi alluvionali, l’impianto di videosorveglianza,  tratti fognari degli impianti intercomunali, nonché finanziati alcuni eventi di interesse turistico e campagne per la promozione del territorio, si era inoltre avviato l’iter per l’unione della funzione di protezione civile.

Nel 2019 con la nomina di Franco Canevello quale Presidente dell’Unione, l’ente non ha di fatto programmato e quindi realizzato alcun intervento di carattere sovracomunale ne tantomeno completato l’iter di unione di alcune delle undici funzioni.

Per l’approvazione del rendiconto di gestione 2019 il Prefetto ha dovuto nominare un commisario ad-acta e, giunti ormai ben oltre il termine di scadenza, stessa soluzione dovrà essere attuata per l’approvazione del rendiconto di gestione 2020 e del bilancio di previsione 2021, ed infine da oggi dobbiamo prendere atto dello scioglimento dell’unione dei Comuni della Valle del Tempo.

Escludendo che le divergenze di visione politica delle due maggioranze sia la reale causa di questo scioglimento, soprattutto dopo la rielezione di Canevello come candidato ufficiale della Lega Nord, occorre tuttavia  prendere atto che nella migliore delle ipotesi vi è stata la scelta o volontà politica di far naufragare l’unione dei Comuni, mentre nella peggiore delle ipotesi (a seconda dei punti di vista) possiamo parlare di semplice incapacità o inadeguatezza, che tuttavia non ne escludono la responsabilità.


Margherita Ceravolo, Paolo Pinna, Gruppo Consiliare Attiva Avegno

Più informazioni