Lavoro: anche la Uil alla Madonna della Guardia - LevanteNews
LA REDAZIONE
010 8935042 Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Cronaca

Lavoro: anche la Uil alla Madonna della Guardia

Dalla Uil Liguria riceviamo e pubblichiamo 

La Uil si unisce alla preghiera nel segno dei diritti e della giustizia sociale. Ci uniamo alla preghiera per il lavoro che si svolge oggi alla Madonna della Guardia sulle alture di Genova. Da monte Figogna parte una riflessione profonda che abbraccia le tante comunità che formano la nostra città e che ne costituiscono la ricchezza.

Alla Madonna della Guardia si rivolge da sempre  anche il mondo del lavoro che cerca una connessione e una corrispondenza con i grandi temi della cristianità: pace, uguaglianza e giustizia sociale. A Genova  ne abbiamo un gran bisogno perché gli animi sono agitati a causa dell’industria che naviga a vista, Ilva e Leonardo in testa, e un turismo che stenta a partire a causa del brutto colpo ricevuto dalla pandemia. Saremo anche noi alla Messa alla Guardia per chiedere al mondo cattolico di camminare insieme a quello laico, da noi rappresentato: due mondi che convergono nei diritti delle persone e nel loro rispetto. Occorre proseguire insieme per raggiungere gli obiettivi che possano dare un futuro a questo territorio: infrastrutture materiali e immateriali, certezza nella produzione, impegno nella ricerca. “Lavoro nero e precarietà uccidono”. Sono parole di Papa Francesco che non possono che trovare grande corrispondenza con le battaglie sindacali degli ultimi vent’anni. Di lavoro si muore anche nel ventunesimo secolo: in fabbrica, nei campi, nei cantieri. Di lavoro si può morire ogni giorno a causa sello stress e per un organizzazione del lavoro che non rispetta i tempi di donne e uomini sempre più connessi a causa di un telelavoro tutto da governare. Per questa ragione, da laici, ci accingiamo a stringerci attorno alla grande comunità della chiesa proprio alla Madonna della Guardia, faro a Genova più della Lanterna.