Rapallo: "Brand, sotto il vestito niente" - LevanteNews
LA REDAZIONE
010 8935042 Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Politica

Rapallo: “Brand, sotto il vestito niente”

Da Gianluca Cecconi, segretario del Circolo Pd di Rapallo, riceviamo e pubblichiamo (ricordiamo che il consigliere Pd Mauro Mele in Consiglio ha approvato la pratica)

Premetto che trovo assolutamente fuori luogo questo Consiglio, visto l’oggetto della pratica, avrei visto molto meglio una bella conferenza stampa o ancora meglio un incontro con gli albergatori e tutti i Commercianti e Artigiani di Rapallo piuttosto che un Consiglio Comunale che ha i suoi riti, i suoi tempi e i suoi ruoli che poco c’entrano con la presentazione a cui abbiamo assistito, e mi riferisco in special modo allo show del Sindaco che scopre il logo, assolutamente fuori luogo in un Consiglio Comunale.

Trovo irrituale e contraria alla prassi questa convocazione a questo insolito orario.

Quella stessa prassi che mi viene invocata a sfavore in continuazione (quando vi fa comodo) ora viene calpestata.

Una prasssi sempre e solo piegata ai vostri comodi.

Per non parlare del fatto che non c’era assolutamente nessun bisogno di fare un Consiglio Monotematico sul brand.

Quando ci avete negato ben altri consigli monotematici, su argomenti di gran lunga più importanti per i Cittadini di Rapallo, esempio sul Parco di Portofino, ma ce ne sono stati molti altri e quando dico Negati lo dico perché grazie alla maggioranza bulgara che avete non ci è possibile chiederlo per legge perché ci mancano i numeri.

Un inciso: pensate alla potenza del brand “Portofino” certamente molto più famoso in tutto il mondo, era una palla da prendere al balzo e invece ci rintaniamo in difesa sul nome “Rapallo”.

E come ben sapete maggioranza bulgara non è un complimento o una prova di forza ma semplicemente una carenza di Democrazia e di una rappresentanza numerica che la legge non riconosce alle altre forze di opposizione che si sono presentate alle scorse elezioni e, secondo me, carenza che andrebbe corretta.

Bastava discutere questa importante pratica nel Consiglio scorso o nel prossimo, i desstini di Rapallo, purtroppo, non cambiano per nulla con una settimana di anticipo o di ritardo.

Probabilmente andava fatta qualche mese fa in modo da arrivare a Giugno già lanciati e non sempre a rincorrere i tempi.

Per non parlare dei costi che questi continui consigli Comunali lampo con due o tre pratiche, o una come oggi solo una, gravano sulla collettività.

E non mi riferisco certo ai pochi Euro che spettano ai Consiglieri Comunali ma a tutta la spesa della Macchina Comunale, prima dopo e durante un qualsiasi Consiglio.

Per cui vi annuncio che noi, come forza di opposizione, PD e M5S, doneremo l’equivalente del nostro gettone di presenza alla Comunità di Sant’Egidio.

Ma veniamo al merito della Pratica.

Ringrazio ancora il presidente della Commissione Tasso che si è adoperato, non so con chi, e mi piacerebbe saperlo, (anzi glielo chiederò appena lo vedo…mi spiace che non ci sia questa sera ma sono certo che è al lavoro …) per permettere a noi Commissari di compiere semplicemente il nostro dovere che la legge ci impone.

Infatti appena iniziata la Commissione ho chiesto dove era il logo e il brand book oggetto della pratica.

Mi è stato risposto che erano segreti e non potevamo visionarli e che quindi dovevamo istruire la pratica al buio, e dare il nostro voto, che la legge, ripeto, ci chiede per istruire la pratica, sulla fiducia.

Spero che la prossima volta non ci facciate istruire il bilancio al buio, senza vederlo o che istruire le pratiche al buio non diventi prassi.

Tutta la mia insistenza non è stata descritta nel verbale e se ho urlato me ne scuso con i dipendenti del Comune, ma solo con loro …

Sono anni, lustri, forse decenni che ci massacrate con il fatto che siete amici, fratelli direi, con i Comuni Limitrofi e mi fermo a ricordare:
• S.Margherita Ligure
• Portofino
• Zoagli

E che la comprensorialità è un vostro dogma.
Tutto perfetto.
Poi fate un brand da soli!!!!!!
Poi fate un sito da soli??????
Parliamo del sito:
Finalmente oserei dire!

Almeno due volte l’anno, durante la discussione dei due bilanci, invito l’assessore Lai ad attivarsi, di concerto con gli altri Comuni per qualcosa di più ampio respiro, ma almeno solo per Rapallo per un sito dedicato ed esclusivo al turismo di Rapallo.

Qualcosa, seguendo gli standard mondiali del tipo
www.visitrapallo.it o www.rapallotourist.com o qualcosa di simile dove esporre tutte le risorse alberghiere, di ristorazione, di commercio artigianale che Rapallo ha e che può offrire.

L’ho chiesto (almeno) 14 volte, dal mio scorso mandato fino a oggi e, quando andava bene non ho avuto alcuna riposta, quando andava male mi dicevate che non serve, non era utile e via di questo passo e la prova provata è che in questi 7 anni, diconsi sette, non lo avete mai fatto!
E fare un sito non è certo come fare la copertura del S.Francesco!

Un sito si fa in poco tempo non in 7 anni.

A proposito del San Francesco, Sig. Sindaco, scommetto una pizza con lei che terminerà il suo seccondo mandato e il San Francesco sarà ancora da completare e per completare intendo tutto, secondo lotto compreso e non il secondo stralcio del primo lotto…!

Nella seconda slide ho letto “Cantiere aperto” ma qui mi sento di usare la stessa frase ma in un’altra eccezione: Rapallo cantiere aperto perenne, cantieri aperti e abbandonati come il San Francesco, come le spiagge, come il molo dei Primeri e come tante altre cose …

Torniamo al brand di Rapallo:
Anche questo l’ho invocato tante di quelle volte che non le conto più, pazienza, anche se trovo fastidioso e irritante che le proposte della opposizione finiscano regolarmente nel cestino bollate come idiozie salvo poi riemergere, tali e quali, come grandi idee solo perché le avete presentate voi….

Irritante è dire poco.

Tecnicamente non mi sembra male.

Nella mia azienda mi sono occupato anche di Marketing, ho seguito corsi e lavorato con consulenti di fama e ora non vi voglio tediare con questioni tecniche sull’uso delle parole inglesi nel logo e nel payoff, in questo caso corretto.

Abbiamo sentito il Dott. Pogliani ringraziare tutti i Consiglieri Comunali per l’aiuto ma … tutti tratte noi.

A noi non è stato chiesto nulla!

Eppure in più di una occasione abbiamo dato validi contributi … pazienza.

Se mi aveste chiesto qualcosa (e non lo avete fatto) vi avrei detto che forse l’onda andava fatta più grande, questa mi sembra troppo sottile, avrei suggerito di far “gallegiare” il nome di Rapallo nel Mare e avrei piazzato uno schizzo del Castello da qualche parte …

Apprezzo che nel Payoff ci sia un riferimento al Tigullio e che non ci sia l’articolo davanti che lo avrebbe reso divisivo per gli altri Comuni del Comprensorio, pensate che bello se anche gli altri Comuni del Tigullio lo scegliessero per i loro loghi!

In genere si preparano anche tutti i vari claim per le Campagne, qui non li vedo ma mi augurano che ci siano, magari sono segreti…

Se non sapete di cosa sto parlando, come nella scorsa pratica sulle varianti Art.44 al Pucc, vi dico che:
• Logo: è un grafismo che identifica il soggetto,
• Payoff: letteralmente “frase di chiusura” è piccolo slogan che segue il logo
• Claim: è una frase che varia a secondo delle campagne che il soggetto fa durante la sua attività

Spero che sia meglio di quanto avete fatto con gli hashtag che compaiono sui cartelloni, una vera tragedia:

Dove leggo
Rapallo (senza hashtag) e poi una riga di
#sport #cultura #mare
Se qualcuno legge il cartello e digita #sport trova tutto fuorchè Rapallo, un disastro

Andava scritto
#Rapallosport #Rapallocultura #Rpalloqualsiasicosa

Se non capite cosa sto parlando, come spesso accade, chiedete a Pogliani o Rossetti che ve la spiegano.

Dichiarazione di voto

Io voglio bene alla mia Città e ogni volta che voto contro alle pratiche è perché sono fermamente convinto che la pratica, poco o tanto, sia un danno per Città dove sono nato e dove ho sempre vissuto.

Ne è la prova che la volta scorsa, pur arrabbiandomi molto ricordando la vostra decisione di astenerssi alla discussione sul Puc, privando la città di una corretta discussione in Consiglio Comunale ma di non astenersi quando si vota una variante Art.44, mi sono arrabbiato ma ho votato a favore della Pratica: una pratica tecnica è vero, quasi una ratifica di uno stato di fatto.

Questa volta non sono assolutamente d’accordo sulla convocazione irrituale e inutile di un Consiglio Monotematico che, insisto, poteva essere fatto prima e osservando, ancora una volta, che non governate assolutamente gli eventi ma vi fate governare da questi.

Il logo e il brand trovano una città distrutta e non mi riferisco alla mareggiata o al Virus, una città che non sapete guidare.

Osservando che era molto meglio presentare un logo e una campagna d’assieme con gli altri Comuni vicini e non solitaria, (pensate alle 5 terre se non si fossero messe assieme e fossero andate ognuna per se … cosa sarebbe successo.

Sono 7 anni (sette!) e decine e decine di volte che chiedo due cose:
1. Un sito dedicato al Turismo
2. Un marchio, un brand, un qualcosa che faccia riconoscere la città non solo in Liguria o in Italia ma in tutto il mondo.

Sono sette anni che ve lo chiedo, sette anni che fate finta di niente e girate la testa dall’altra parte ma oggi, finalmente, mi date ragione.

Peccato che sia clamorosamente tardi e che la città versi in uno stato non decoroso, ma tardi è meglio di mai.

Tutto questo considerando: guardando all’essenzza della pratica e conscio e consapevole dei numeri in Consiglio voto a favore di questa pratica.

Non rallegratevi maggioranza: il lavoro che vi aspetta è immane e non sono certo che siate in grado di svolgerlo nel migliore dei modi, perché un logo senza contenuti mi ricorda il titolo di un celebre film: Sotto il vestito niente!

Non rallegratevi leoni di tastiera, bocciati dai cittadini, esclusi dal Consiglio Comunale e relegati dietro a uno schermo, voto a favore perché, finalmente, viene fatta una cosa che il PD chiede da anni, non da ieri, e magari non ve lo ricordate neanche perché chissà dove eravate prima che Facebook vi desse un pizzico di visibilità che non sapete conquistarvi in altro modo.

Ma ora, maggioranza, il tutto va riempito di contenuti, vanno messe in ordine le spiagge, il molo dei Primeri, il traffico caotico che ci uccide e tante mille altre cose che il PD vi sta chiedendo da anni.

Una la avete fatta, ve ne restano 999 …

Più informazioni