Poseidon sbarca a Venezia: presente alla Mostra del Salone Nautico - LevanteNews
LA REDAZIONE
010 8935042 Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Soddisfazione

Poseidon sbarca a Venezia: presente alla Mostra del Salone Nautico

Il progetto è di Angela Denise Peri, residente a Casarza Ligure.

Poseidon

Un pezzo di Tigullio è approdato al Salone Nautico di Venezia. Si tratta di Poseidon, progetto presentato dall’Ingegnere Angela Denise Peri, residente a Casarza Ligure, oggetto di tesi di Laurea Magistrale in Ingegneria Nautica, discussa al Polo Marconi della Spezia il 24 Marzo dello scorso anno.

Lo stesso è tra i 16 progetti selezionati tramite il Bando internazionale per la selezione di studi e progetti di barche – Navigazione sostenibile ed è stato esposto nella mostra denominata MUVE Yacht Projects che si è tenuta dal 29 maggio al 6 Giugno in occasione dell’evento nella città lagunare.

“È stato un weekend indimenticabile, ricco di occasioni di confronto – ha dichiarato Angela – Poseidon è stato accolto molto positivamente ed aver viaggiato sui mezzi locali mi ha permesso di analizzare lo stato di fatto e fornito nuovi spunti per perfezionare il progetto con una consapevolezza sempre maggiore”.

Poseidon è un catamarano di 16 metri, pensato come un’integrazione del trasporto pubblico locale, con una capacità di 100 passeggeri. Esso è stato progettato in una configurazione completamente elettrica ed una ibrida (laddove fossero previste maggiori autonomie e velocità più elevate, fino ad un massimo di 15 nodi).

La spirale di progetto ha condotto alla definizione di forme di scafo ottimizzate, nate dopo 170 distinte modellazioni e alle relative previsioni di resistenza. Gli spazi interni sono stati progettati con particolare attenzione, in vista di una completa fruizione dell’unità da parte di persone diversamenti abili. E’stato affrontato un completo dimensionamento strutturale in alluminio e lo studio di tutti gli impianti principali.

La fattibilità operativa della barca è stata testata ipotizzando una rete strutturata che collegasse l’intero Golfo di La Spezia con le Cinque Terre nella configurazione più impegnativa, quella strettamente elettrica.

La presenza di pannelli solari semitrasparenti integrati nel cielo della sovrastruttura ha un duplice valore: conferire una grande luminosità interna e ottenere energia che può essere immagazzinata per le utenze di bordo.
Il dimensionamento completo del sistema di condizionamento, sviluppato in maniera completa e dettagliata in ogni suo aspetto, è stato effettuato per tener conto della frequente apertura delle porte per la salita e la discesa dei passeggeri.

La scelta è stata orientata verso la definizione di un impianto ad aria primaria ed acqua in grado di gestire i flussi termici presenti e, allo stesso tempo, garantire un valore di umidità relativa interna e una temperatura di progetto il più possibile costanti.

Il sistema di illuminazione è conforme ai requisiti imposti dalle norme internazionali in materia di comfort visivo e sicurezza. L’uscita di emergenza si trova nella parte centrale a poppavia dell’imbarcazione, dove è stata posizionata la zattera di salvataggio, al fine di aumentare l’efficienza complessiva delle procedure di evacuazione dei passeggeri. Internamente, grande attenzione è stata dedicata allo studio dei sedili, da un punto di vista ergonomico e funzionale.
Sono state inoltre eseguite una pesata completa dell’imbarcazione, un’analisi di stabilità e un modello 3D completo dell’unità.

 

Più informazioni