Lavagna: "Diga Perfigli, il bisogno di punti fermi" - LevanteNews
LA REDAZIONE
010 8935042 Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Politica

Lavagna: “Diga Perfigli, il bisogno di punti fermi”

Da Pierluigi Biagioni, Europa Verde Tigullio, riceviamo e pubblichiamo

Nel link sotto riportato si dice: “Ci sembra opportuno ricordare quanto affermato dal Sindaco Bucci nella seduta della Commissione Consiliare 3 della Città Metropolitana, il giorno 11 Febbraio 2021, a proposito della cosiddetta “diga Perfigli”: “Sarebbe facoltà del Sindaco di Lavagna scegliere di interrompere il processo di realizzazione in modo da rimettere tutto in discussione ma deve prendere un pezzo di carta e scrivere che si prende la responsabilità di interrompere il processo di salvaguardia idrogeologica”.

Da nostri studi di diritto di parecchi decenni fa ricordiamo che esisterebbe la “denunzia di danno temuto” ex art. 1172 c.c!! dove si presuppone che il proprietario, il titolare di altro diritto reale di godimento o il possessore che abbiano ragione di temere che da una o più opere già esistenti (un edificio, un albero, una piantagione, ecc.)  sovrastanti l’oggetto del loro diritto, possa derivare pericolo di un danno grave e prossimo, possano denunciare il fatto all’autorità giudiziaria ed ottenere, secondo le circostanze, una pronuncia giurisdizionale che ponga fine a tale situazione di emergenza, o, qualora ne sia il caso, disponga idonea garanzia per i danni eventuali.

Presupposti

Sono, quindi, presupposti dell’azione:

– il pericolo di danno derivante da una res ad un’altra;

– la prossimità e gravità del danno medesimo;

– il ragionevole timore.

Pensiamo (ma qui ci vorrebbe il parere di un avvocato) che il sindaco Mangiante possa controbattere usando questa formula nei confronti del Sindaco Bucci sempre che sia possibile! Infatti i dati di progetto del 2012, se non sbagliamo, pare che siano cambiati per la parte a monte del Ponte della Maddalena! Inoltre nello studio c’è un caso in cui parte di Lavagna verrebbe allagata (vedere la parte in blu evidenziata con le frecce rosse della pianta allegata. Bisogna inoltre tener conto dei mutamenti climatici con bombe d’acqua di intensità sempre crescente e l’eliminazione delle aree golenali a monte del Ponte della Maddalena.

Se questa nostra osservazione è sbagliata attendiamo un commento che la contraddica.

Lavagna: “Diga Perfigli, soddisfatti per la revoca ma la partita è ancora aperta” (levantenews )