"Negli ospedali non abbiamo registrato ingressi per Covid nelle 24 ore precedenti" - LevanteNews
LA REDAZIONE
010 8935042 Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Monitoraggio

“Negli ospedali non abbiamo registrato ingressi per Covid nelle 24 ore precedenti”

Ansaldi: "Tutti gli indicatori di trasmissione del virus sono in diminuzione e l'Rt è pari a 0,68"

Filippo Ansaldi

“Oggi per la prima volta negli ospedali liguri non abbiamo registrato ingressi per Covid nelle 24 ore precedenti.
Osserviamo un calo dell’incidenza ovvero di nuovi casi Covid in Liguria dopo il picco della terza ondata: abbiamo raggiunto valori vicini allo zero (0,21 casi al giorno ogni 10mila abitanti), con numeri simili a quelli registrati all’inizio dell’estate scorsa. Il quadro è omogeneo sul territorio regionale”: così Filippo Ansaldi, responsabile Prevenzione Alisa.

“L’incidenza settimanale è di 16 casi ogni 100mila abitanti: l’attuale incidenza è aumentata per circa il 10% da soggetti non residenti nella nostra regione – prosegue – La curva relativa all’andamento dell’epidemia in Italia e in Liguria, rivela che la seconda ondata è stata praticamente identica mentre per la terza ondata la Liguria ha avuto circa 1/3 di casi in meno e questo trend migliorativo rispetto al quadro nazionale ce lo stiamo portando avanti anche in questa fase con una netta diminuzione dell’incidenza, che si riflette anche sulle ospedalizzazioni”.

“Dall’ultimo report, il n.55, del ministero, continuiamo ad avere una buona capacità di monitoraggio e di accertamento diagnostico, con tutti gli indicatori di trasmissione del virus in diminuzione. L’Rt è pari a 0,68.
I tassi di occupazione dei posti letto in terapia intensiva e in area medica sono decisamente modesti. Complessivamente quindi abbiamo un rischio basso, con indicatori ampliamente da zona bianca anche in base ai nuovi parametri ministeriali”.

“Abbiamo anche un’elevata performance sui tamponi: in Liguria viene effettuato un numero di tamponi da zona arancione o zona rossa, mentre siamo in zona bianca. Per quanto riguarda le vaccinazioni, la proporzione di vaccinati tra coloro che hanno manifestato la volontà a vaccinarsi è superiore al 95% negli operatori sanitari, negli ospiti delle Rsa, negli over80, nei 70enni e nei 60enni. Stiamo terminando anche gli ultravulnerabili, i disabili e i caregiver mentre prosegue la campagna vaccinale per classi di età”, conclude.

Più informazioni