Il presidente Gozzi premia Mancosu: “Grazie per questi anni passati insieme” - LevanteNews
LA REDAZIONE
010 8935042 Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Il saluto

Il presidente Gozzi premia Mancosu: “Grazie per questi anni passati insieme”

L'attaccante: "All’Entella auguro un pronto riscatto, e sono convinto, che tornerà presto dove merita".

Targa per Matteo Mancosu

Si chiude l’esperienza di Matteo Mancosu con la maglia della Virtus Entella: un attaccante in grado di mettere lo zampino con gol pesanti come contro la Carrarese in Lega Pro o contro l’Empoli di due anni e tutti avvenuti a pochi minuti dalla fine della partita.

Un calciatore che in questa stagione travagliata culminata con la retrocessione in Lega Pro della squadra non ha mai mollato facendosi trovare pronto quando i mister lo hanno chiamato in causa. La società, con in testa il presidente Antonio Gozzi ha voluto regalargli una targa ricordo per essere entrato, di diritto, nella storia del club.

“Come prima cosa ci tengo di vero cuore a ringraziare il Presidente e tutta la società per avermi donato questo ricordo – commenta Mancosu – In questi anni ho cercato di dare all’Entella tutto quello che avevo e sono felice perché al di là dei gol, che naturalmente hanno un peso specifico molto importante, a Chiavari lascio tanti rapporti umani. Sento ancora viva dentro di me la delusione per l’ultima stagione, ma se mi guardo alle spalle penso di aver vissuto dei bellissimi momenti. Sicuramente la circostanza che ricordo con maggior emozione è il gol allo scadere contro la Carrarese. Veder l’esultanza dei miei compagni e sentire il boato dello stadio sono sensazioni che non scorderò mai. In questi anni, soprattutto grazie alla squadra, ho spesso avuto la fortuna di essere al posto giusto nel momento giusto e per questo voglio ringraziare tutti. Nella mia carriera sono stato in diverse piazze e quando sono arrivato a Chiavari, sinceramente, era difficile per me fare una previsione su quello che avrei potuto dare all’Entella. Tornavo in Italia dopo una bella esperienza all’estero, ma essendo arrivato a gennaio non era scontato ambientarsi subito bene. La società, però, mi ha accolto alla grande facendomi sentire importante. In campo ho ritrovato diversi amici e mi sono sentito fin da subito uno di loro. Lascio una città bellissima che mi ha conquistato fin dal primo momento, senza dimenticare che qui sono nate le mie figlie. All’Entella auguro un pronto riscatto, e sono convinto, che tornerà presto dove merita. Finché a Chiavari, infatti, ci sarà un uomo al comando come il presidente Gozzi, i tifosi possono dormire sonni tranquilli. Il Pres è una persona speciale, non ci ha mai fatto sentire soli, neanche nei momenti più difficili. Non posso far altro che augurargli tutte le migliori fortune umane e professionali”.

Più informazioni