Rapallo: "Perchè dovrebbero arrivare i turisti?" - LevanteNews
LA REDAZIONE
010 8935042 Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Politica

Rapallo: “Perchè dovrebbero arrivare i turisti?”

Da Gianluca Cecconi, Segretario Circolo Pd di Rapallo riceviamo e pubblichiamo

Perché dovrebbero venire i turisti a Rapallo?

Questa domanda come Partito Democratico  la poniamo da tempo e la vorremmo porre anche all’attuale amministrazione, senza far inutile retorica, per cercare un confronto sull’analisi della città di Rapallo e poter fare una riflessione sul suo futuro.

Da sempre abbiamo sottolineato come il turismo sia una possibilità di sviluppo e crescita per Rapallo, abbiamo scritto tanto nei mesi scorsi sull’argomento, e posto temi che potrebbero rilanciare il Turismo:

. Parco di Portofino, riteniamo debba diventare nazionale e comprendere aree della nostra città,

. Recupero di aree verdi e messa in sicurezza di terreni e sentieri

. Parco Casale

. Teatro delle Clarisse

. Spiagge, battelli e porto

Potremmo andare avanti e sicuramente lo faremo sicuramente cercando di essere propositivi come abbiamo sempre fatto e con uno sguardo anche alle città limitrofe, come Chiavari e Sestri Levante, che seppur con amministrazioni di ideologie diverse fra loro gli va riconosciuto il merito di essere stati lungimiranti e di aver reso le proprie città appetibili.

Certo comprendiamo anche le criticità della situazione date dalla Pandemia e dai lavori. Ma riteniamo che allo stesso tempo ci sia stato un peccato di sottovalutazione sia nei tempi che nei modi, tanto che:

. le spiagge libere sono inaccessibili se non pericolose, vedasi la situazione di Trelo;

. Il pontile per i battelli inesistente

E si potebbe continuare……….

Con questo vogliamo esprimere solidarietà a chi opera nel settore turistico e che con tanta volontà ha riaperto per ricevere chi in questi giorni decide di passare qualche giorno di relax e riposo.

All’amministrazione vogliamo ribadire che uno dei requisiti per avere una città turistica è la credibilità. Bene torniamo ad essere credibili.

Gianluca Cecconi
Più informazioni