Chiavari: "11° comandamento; stare coi piedi a terra" - LevanteNews
LA REDAZIONE
010 8935042 Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Politica

Chiavari: “11° comandamento; stare coi piedi a terra”

Da Giovanni Giardini, consigliere comunale in Chiavari “Cambia con me Chiavari da Tutelare” riceviamo e pubblichiamo


Grazie a Levantenews che mi da voce e spazio. Ormai a Chiavari si sente spesso e volentieri “Non c’è opposizione”. Non è vero. È solo una questione di numeri.
La maggioranza vota, sempre e comunque, avvalendosi dei suoi consiglieri che alzano la mano anche, quando a volte,  sarebbe meglio la infilassero in tasca e riflettessero su cosa viene proposto.
Ieri sera in Consiglio Comunale al punto 4 si è parlato del Programma Triennale dei lavori pubblici per il periodo 2021/2023.
Il Sindaco Di Capua annuncia  che il Comune parteciperà a un Bando (nel 2023) per i lavori della Piscina del Lido che, (se viene accordato) saranno a costo zero.
Peccato che, Lunedi 2 novembre 2020, lo stesso Sindaco, parlo sempre di Di Capua,  con grande titolo sul quotidiano locale: Un progetto per far rinascere la Piscina – Il futuro di Chiavari ora passa dal Lido.
Dichiarava “L’obbiettivo è arrivare all’inaugurazione del Nuovo Lido nel 2022 per restituire ai Chiavaresi una piscina olimpionica…….il progetto (privato) dovrà essere sottoposto a una gara pubblica…..”
Nello stesso articolo venivano citate le tempistiche, 90 giorni come tempo massimo della presentazione della documentazione alla dichiarazione di pubblico interesse da parte dell’Amministrazione.
In sei mesi com’è andata?
Il nulla.
A una mia precisa domanda, sempre lui, si è giustificato parandosi dietro ad un parere legale che ha sancito che la procedura annunciata  era sbagliata. 
Allora, perché non ha fatto verificare la fattibilità del progetto prima di proclamarla come ha fatto?
Lui è molto presente sulla stampa locale, sui social per potenziare la sua immagine pubblica, ma a mio avviso la credibilità è una cosa seria 
Fa piacere con la sua faccia da “bravo ragazzo” vederlo tagliare nastri, inaugurare bar, ristoranti,  vederlo come assistente di cantieri in corso d’opera…….
Però, analizzando più a fondo i suoi proclami, si resta perplessi.
A fine aprile, in Consiglio Comunale si è impegnato con tutta la sua maggioranza in un ordine del giorno per verde e parcheggi nell’ex area Italgas, per poi dichiarare, pochi giorni dopo, mi spiace  non se ne fa più niente di quanto sottoscritto  
Quando l’acquirente dell’area interessata è uscito allo scoperto, sempre DiCapua ha dichiarato “grande opportunità”.
Ancora prima su quell’area pubblicamente, in una intervista televisiva dichiarava di aver proposto in Città Metropolitana la realizzazione di una scuola. 
Qui mi fermo….
Il Sindaco è credibile?
Ora a Chiavari speriamo nei bandi, viviamo di “gratta e vinci” e ” che Dio ce la mandi buona!”.
Di tutto il Consiglio Comunale di ieri sera, unico argomento riportato ovunque “Tunnel Campodonico-Carasco” proposto con ordine del giorno urgente dai Capigruppo di maggioranza  
Qui viene il bello!
Illustra “il tema” il Consigliere green Giorgio Canepa, vestendosi da progettista di infrastrutture, non avendo però ancora chiaro il tracciato.
Alla mia domanda su cosa si intendeva “….la zona di Loreto di Carasco o nel punto meglio visto, proprio il punto meglio visto, cosa voleva dire?
Arrancando sulla risposta che non mi dava….sentenzia “Stiamo con i piedi per terra”
Dico io, proprio lui deve cominciare a stare con i suoi piedi per terra.
Non vorrei che ora che si sono aperti nuovi scenari politici sul nostro territorio, lui da civico come è,  si sentisse rivestito da un gravoso compito e cominciasse a pensare di adattare un piccolo “Mose” per la difesa del litorale chiavarese, tanto più che il porto sarà arricchito di un nuovo ipotetico servizio turistico/battellieri in gondola.
Già il suo apporto alla pista ciclabile della Via dell’acqua  è  da primo premio del “Compasso d’oro”.
Se penso che proprio lui voleva trivellare  a Preli, i piedi della collina delle Grazie per posizionare il nuovo depuratore, mi devo rassegnare a vederne ancora delle belle.

Giovanni Giardini
Più informazioni