Sestri: 'Andersen Festival', le dichiarazioni dei protagonisti (2) - LevanteNews
LA REDAZIONE
010 8935042 Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Cronaca

Sestri: ‘Andersen Festival’, le dichiarazioni dei protagonisti (2)

Dal Comune di Sestri Levante riceviamo e pubblichiamo le dichiarazioni a margine della presentazione dell’Andersen Festival

Ilaria Cavo, assessore regionale alla cultura 
“È uno dei primi Festival che riparte in presenza a livello nazionale ed è un grande segnale per tutto il territorio. È un grande appuntamento e lo testimonia il ricco programma dei quattro giorni con gli incontri, i concerti, il teatro per bambini e ovviamente il premio. Regione Liguria anche quest’anno sostiene convintamente l’Andersen Festival come uno degli eventi più rilevanti dal punto di vista della cultura e della promozione.”

Valentina Ghio, Sindaca di Sestri Levante 
“Per la nostra città – dichiara Valentina Ghio, sindaca di Sestri Levante – l’Andersen Festival è, da ventiquattro anni, un momento di grande gioia. Decidere di farlo in presenza e a giugno, come da tradizione, è per noi un concreto segnale di rinascita che vogliamo dare. La sicurezza sarà al primo posto, i protocolli saranno rigorosi sia per chi partecipa sia per gli artisti e
lo staff, affinché tutti vivano l’Andersen al meglio. Ma il lavoro dietro questo progetto, sempre attento e curato, riguarda anche il consolidamento, di anno in anno, di questo appuntamento: il successo dell’Andersen è per noi uno sprone a continuare, rinnovandolo sempre più. Chi ha contribuito a rendere questo evento speciale e di rilevanza internazionale è stato anche, in questi anni, Artificio23 e il direttore artistico Leonardo Pischedda, a cui oggi va il nostro grazie per averci traghettati fin qui. Questo sarà un anno di transizione, a cui arriviamo in sinergia, che porta il festival a essere un evento a gestione diretta con il contributo delle professionalità che ci hanno
affiancato in questi anni. Dal 10 al 13 giugno, per grandi e piccini, Sestri Levante trasformerà i suoi luoghi più suggestivi in palcoscenici: tutta la città offrirà divertimento, approfondimento e incanto. E tornerà, ancora una volta, la magia dell’Andersen Festival.”

Maria Elisa Bixio, assessore comunale alla cultura 
“Ci lasciamo alle spalle un periodo complicato e faticoso, pieno di paure, ansie e incertezze. Queste devono essere state le motivazioni che hanno spinto i 867 autori partecipanti, divisi nelle diverse categorie, a inviare la propria fiaba alla segreteria del Premio Andersen. Perché la fiaba, da sempre e in ogni cultura, ci aiuta a superare le nostre inquietudini, le nostre paure, esorcizzandole inventando mondi fantastici dove la fantasia riesce a spiegare, aiutare e consolare. Le fiabe sono così, hanno un intenso valore formativo, ci aiutano a crescere, a capire, a superare i nostri limiti attraverso immagini inventate dove prendono la parola animali, oggetti e situazioni che solo la fantasia può creare. È stato divertente trovare bambini trasformati in divani per la pigrizia forzata, giovani principi, poco azzurri, che decidono di vivere da orchi, pesci che familiarizzano in fondo al mare con oggetti di plastica o bambine vestite di rosso che simpatizzano con lupi spelacchiati! Un modo immediato per farci riflettere, per pensare a temi importanti, per sottolineare concetti fondamentali per la nostra società e per il nostro futuro. Il Premio H.C. Andersen – Baia delle Favole dà spazio a chi ha ancora sogni da regalare, sorrisi da donare e freschezza da omaggiare. E in un anno ancora così complicato, è stato bello ricevere da chi ci segue un messaggio che profuma di buone intenzioni e ci spinge a proseguire in questo percorso iniziato cinquantaquattro anni fa.”

Lidia Ravera, presidente Giuria Premio 
“Non si litiga, nelle riunioni di giuria di un concorso di fiabe. È quasi una magia, un sortilegio più solido dell’unanimità: ti piacciono anche le fiabe che ti piacevano meno, se le tue favorite non vincono non importa, perché in ogni fiaba c’è qualcosa di buono, una scintilla nobile, una aspirazione
coraggiosa. Il seme di una poesia possibile, di un sollievo dal mondo adulto, di una felicità pensabile, se non realizzabile. Mi piacerebbe che, dall’anno prossimo, ci fosse anche una giuria di bambini, ad affiancarci. Per confrontare le nostre scelte con le loro. Mi piacerebbe che la giuria dei bambini premiasse con medaglie di biscotto al cioccolato i bambini concorrenti… Sì, è evidente sono stata contagiata: ho letto tante di quelle fiabe che sono regredita al primo ciclo delle scuole elementari. Ma non vi preoccupate. Non mi dispiace. Dai bambini abbiamo parecchio da imparare.”

Marcello Massucco, amministratore unico Mediaterraneo 
“Il weekend dell’Andersen rappresenterà l’inizio della stagione estiva del Tigullio e sarà anche un concreto segnale di ripresa delle attività del territorio che più hanno sofferto in questo periodo, dal turismo alla cultura, dalla ristorazione all’accoglienza alberghiera. Per questo motivo abbiamo
pensato a un Festival dalle dimensioni importanti: sette location diverse nel centro storico, con un ricco programma che ospiterà oltre cento appuntamenti in quattro giorni. Valorizzeremo ancora una volta i luoghi più significativi di Sestri Levante e lo faremo in tutta sicurezza, forti dell’esperienza dell’anno scorso e della cura che abbiamo dimostrato per le persone e per il territorio. In questo anno e mezzo, infatti, abbiamo lavorato con costanza per rendere sicura la città, le spiagge e tutti i luoghi aperti al pubblico, per consentire a cittadini e turisti – con il giusto rispetto delle regole – una vita il più possibile normale. Queste esperienze e competenze ci hanno fatto decidere di offrire una delle prime manifestazioni nazionali in presenza del 2021. Un impegno di produzione davvero rilevante, per il quale ringrazio tutte le persone che in queste ore con professionalità e passione stanno lavorando a questa complessa macchina organizzativa.”

Chiara Magni, responsabile del public engagement di MSF 
La fantasia dei bambini supera spesso ogni confine, proprio come l’inventiva di bambini e ragazzi che hanno partecipato al contest ‘Filastrocche Senza Frontiere’. Sono circa 200 i lavori arrivati da tutta Italia e siamo felici di tanta partecipazione. Con immaginazione, creatività e molta sensibilità i giovani compositori sono riusciti a dare un racconto originale di Medici Senza Frontiere, trasmettendo con semplice chiarezza l’umanità e l’impegno che da 50 anni a questa parte caratterizza il lavoro dei tanti operatori di MSF in tutto il mondo. Saremo lieti di premiare alcuni di loro in occasione del Festival perché le future generazioni meritano tuto il nostro impegno e la nostra passione. Medici Senza Frontiere (MSF) è Charity Partner del 54° Premio “Hans Christian Andersen – Baia delle Favole”, nell’ambito dell’Andersen Festival di Sestri Levante.

Più informazioni