Recco: "Sondaggio 'Maestre Pie', vincono aula-studio e parco pubblico" - LevanteNews
LA REDAZIONE
010 8935042 Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Cronaca

Recco: “Sondaggio ‘Maestre Pie’, vincono aula-studio e parco pubblico”

Dai giovani recchelini riceviamo e pubblichiamo

Come gruppo Giovani Recchelini, nelle scorse settimane abbiamo condiviso un sondaggio relativo all’utilizzo del complesso delle Maestre Pie, ormai in stato di abbandono da decenni.

Innanzitutto vogliamo ringraziare le 520 persone che hanno compilato il sondaggio: il numero così elevato ci ha sicuramente sorpreso, considerando che il sondaggio è stato divulgato principalmente con il passaparola.

Secondo noi, questo dimostra sia il grande potenziale che ha il complesso sia la volontà dei cittadini di Recco e del Golfo Paradiso di poterlo sfruttare al meglio.

Il sondaggio era diviso in due sezioni: la prima riguardava la struttura interna, la seconda il parco. In entrambe abbiamo proposto alcuni scenari possibili, chiedendo ai partecipanti di esprimere il loro parere sull’importanza di ognuno di essi, e abbiamo lasciato uno spazio per
eventuali suggerimenti. Riguardo l’interno dell’edificio, che probabilmente ospiterà anche l’Istituto Scolastico Marco Polo, le nostre proposte sono state: una sala conferenza (o auditorium), una biblioteca che comprendesse anche un’aula studio, uno spazio per mostre espositive. Tutte e tre le opzioni hanno suscitato grande interesse per i sondaggisti, sottolineando come a Recco servirebbero tutti e tre questi spazi, ma in particolare vi è stato un plebiscito sulla necessità dell’aula studio (con il 63% dei votanti che la ritiene decisamente importante, seguito dal 32% secondo cui è necessaria e solo il restante 5% ritiene che non lo sia). Inoltre, molte sono state le segnalazioni proposte di uso della struttura. Ne segnaliamo
in particolare alcune che si sono nettamente distaccate dalle altre: uno spazio di aggregazione o associativo per giovani e anziani, un cinema-teatro e dei laboratori artistici.

Queste sono solo valutazioni di carattere generale che sottolineano due aspetti: il potenziale della struttura e la mancanza di diversi servizi a Recco per tutte le fasce di età.

Nella parte del sondaggio relativa al parco si è chiesto per prima cosa se i partecipanti ritenessero necessario che il parco resti ad uso pubblico collettivo, indipendentemente da cosa ospiterà l’interno: il 98% dei partecipanti si è espresso positivamente. Anche in questo caso sono poi state fornite alcune opzioni di valorizzazione dello spazio: la creazione di
un’area calistenica, di un’area pic nic attrezzata o di un’area gioco per bambini. Come nella prima parte del sondaggio, anche queste proposte sono state ritenute tutte e tre interessanti, in particolare l’area calistenica e l’area gioco per bambini. Tantissimi sono stati poi i suggerimenti lasciati dai partecipanti; come prima segnaliamo quelli più frequenti: un orto botanico – cittadino – didattico (suggerimento libero dato da più del doppio delle preferenze rispetto al secondo), un parco cittadino attrezzato con giochi e panchine-fontanelle dell’acqua e infine uno spazio per eventi all’aperto soprattutto d’estate (rappresentazioni, conferenze, concerti, teatro, cinema, ecc).

Hanno risposto al sondaggio diverse generazioni di cittadini: basti pensare che il più giovane è del 2009 e il più anziano del 1931. Questo dimostra ancora una volta quanto le risposte siano rappresentative di un bacino ampio di necessità. La maggioranza assoluta è formata da persone residenti a Recco, ma ci sono stati anche un numero di voti importanti provenienti da
Avegno e Camogli seguiti in quota minoritaria da Uscio e Sori.

Vi terremo aggiornati se ci saranno sviluppi: il Sindaco Gandolfo, a febbraio, aveva preso l’impegno di verificare la possibilità di aprire al pubblico il parco, almeno ai volontari che potrebbero iniziare a pulirlo. Cercheremo di sollecitare nuovamente un intervento in questo senso poiché riteniamo che sia un passo importante per ridare il prestigio che si merita alla struttura e al parco stesso, essendo uno spazio assolutamente unico nel contesto di Recco.

Più informazioni