Vaccini: "Commercio, turismo e servizi, servono altri protocolli d'intesa" - LevanteNews
LA REDAZIONE
010 8935042 Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Cronaca

Vaccini: “Commercio, turismo e servizi, servono altri protocolli d’intesa”

Dall’ufficio stampa di Uil Liguria riceviamo e pubblichiamo

Vaccinarsi sul lavoro sarà una risorsa indispensabile per la lotta al Covid19. Ne è convita la Uiltucs Liguria che chiede alle tre maggiori associazioni datoriali dei comparti economici commercio-turismo-servizi di siglare un protocollo di intesa sulla scorta di quello sottoscritto tra Regione Liguria, sindacati confederali e Confindustria. “Sarebbe ottimale avere hub di riferimento per vaccinare per i lavoratori dei settori di commercio, turismo e servizi su base volontaria – dichiara Riccardo Serri, segretario generale Uiltucs Liguria – I dipendenti del commercio sono sempre stati a rischio a causa della forte affluenza nei negozi della grande distribuzione. In questi lunghi mesi di pandemia lavoratrici e lavoratori della grande distribuzione hanno continuato a lavorare senza risparmiarsi, molte volte rimettendoci in prima persona dal punto di vista della salute, il settore non ha mai chiuso. Inoltre ci sono anche le addette e gli addetti della ristorazione collettiva, ad esempio, le lavoratrici e i lavoratori delle mense scolastiche e delle strutture sanitarie che fanno parte del personale ad alto rischio contagio, così come i lavoratori della vigilanza privata, spesso chiamati in prima linea a svolgere mansioni delicate di competenza non diretta, come misurare la temperatura agli ingressi dei supermercati, quindi una mansione a distanza ravvicinata con il pubblico. La Uiltucs intende tutelare i tanti giovani che reggono le sorti di questo comparto economico”. Inoltre, in questi giorni si parla molto di riaperture e di turismo, ma la via è ancora tutta da tracciare per recuperare il tempo perduto. “Si parla di turismo Covid free prima si fa e meglio è, questa sarà la cartina di tornasole per la nostra regione – chiude Riccardo Serri – Sono tanti giovani che potrebbero lavorare in estate, quindi l’ideale sarebbe procedere speditamente con le vaccinazioni per poter consentire la riapertura in sicurezza di alberghi, ristoranti, campeggi, stabilimenti balneari. Dopo i mesi bui di contagi e morte, ci meritiamo un po’ di serenità per lavoratori e turisti”.