Sestri: ddl Zan, il Movimento 5 Stelle contro la mozione della Lega - LevanteNews
LA REDAZIONE
010 8935042 Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Politica

Sestri: ddl Zan, il Movimento 5 Stelle contro la mozione della Lega

Dal Movimento 5 stelle Sestri Levante riceviamo e pubblichiamo

Con un forte disappunto abbiamo appreso dalla stampa che i  rappresentanti della Lega in consiglio comunale di Sestri Levante, Paolo Smeraldi e Albino Armanino, hanno presentato una mozione con l’intento di impegnare il sindaco e la giunta ad attivarsi perché venga respinta la proposta di legge contro la omotransfobia attualmente in discussione a livello nazionale (ddl  Zan). E’ evidente che questo ennesimo tentativo di bloccare la legge sia una strategia ad ampio respiro che si affianca a quanto già attuato in commissione giustizia da parte dalla stessa Lega con forzature ostruzionistiche e tentativi di imporre i propri pregiudizi .

Tutto questo seguito all’annuncio di Matteo Salvini di voler presentare un testo di legge a firma Lega sul tema dell’omofobia che in realtà ha l’evidente solo scopo di far ricominciare l’iter approvativo dall’inizio.

Basta però andarsi a rileggere le varie dichiarazioni di carattere omofobo di alcuni esponenti di vario livello della Lega per capire quali siano le reali intenzioni di questo partito nell’affrontare questi temi.

Finalmente, dopo tanti anni di attesa, con l’approvazione definitiva del ddl Zan, fra i reati d’odio non rientreranno solo quelli legati a razza, etnia o religione, già previsti dalla legge Mancino, ma anche quelli legati alla sfera sessuale in senso lato (e non solo, anche quelli contro i disabili). Verrà punito chi li commette e chi istiga a farlo.

Il consigliere M5S Fabio Sturla pertanto, a nome del Movimento 5 stelle Sestri Levante, voterà contro la mozione della Lega perché il disegno di legge contro l’omotransfobia estende la tutela delle libertà e della serenità dei cittadini facendo compiere al Paese un passo avanti verso la civiltà. Cari Armanino e Smeraldi il decreto deve invece essere sostenuto perché aggiungere diritti non vuol dire toglierne ad altri.

Consigliere M5s Fabio Sturla

Più informazioni