"Costituire l'osservatorio permanente sulle crisi industriali in Liguria" - LevanteNews
LA REDAZIONE
010 8935042 Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Ordine del giorno

“Costituire l’osservatorio permanente sulle crisi industriali in Liguria”

Un muratore al lavoro.

“Costituire un osservatorio permanente regionale sulle crisi industriali e riattivare i tavoli di crisi già esistenti e fermi da mesi al ministero, che sulla Liguria riguardano una platea di 3500 lavoratori e settori strategici anche a livello nazionale”: è la proposta contenuta nell’ordine del giorno del Gruppo consiliare regionale ligure del Partito Democratico-Articolo Uno, che ha come primi firmatari Roberto Arboscello, vice presidente della III Commissione Lavoro in Regione, e il capogruppo Luca Garibaldi.

Il documento, depositato ieri, chiede l’impegno della Giunta a “sollecitare l’apertura, come chiesto dai sindacati, di nuove sedi di confronto per la risoluzione dei tavoli ministeriali”.

“La Liguria – spiegano Garibaldi e Arboscello – ha 7 tavoli di crisi aperti al Mise per un totale di circa 3.500 lavoratori liguri a rischio tra Ex Ilva, Piaggio Aerospace, Bombardier, Funivie Spa, Leonardo, Italiana Coke, Sanac. Inoltre, si tratta di settori come quello siderurgico ma anche quello della tecnologia, strategici non solo a livello locale ma nazionale. Un contesto di crisi su cui si inserirà poi tutta la partita del Recovery Plan sul quale auspichiamo una governance condivisa e investimenti per sostenere l’occupazione sul territorio”.

Un’attenzione particolare riguarda poi l’area di crisi complessa del savonese, “un’area industriale – aggiunge Arboscello – strategica per la Regione e tutto il Nord Ovest che ha pesantemente subito le conseguenze della crisi degli ultimi anni. È necessario prevedere specifici interventi di sostegno alle imprese, attivare investimenti e avviare velocemente percorsi formativi e di ricollocazione dei lavoratori. La vocazione industriale di quest’area e l’efficientamento delle sue infrastrutture devono essere una priorità”.

Più informazioni