Posteggi, il sistema "Cinque Terre" - LevanteNews
LA REDAZIONE
010 8935042 Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Posteggi, il sistema “Cinque Terre”

Sul sistema parcheggi ci sono molti punti di vista. E molte contraddizioni. Alcuni ambientalisti ad esempio chiedono di agevolare il trasporto pubblico e quindi dovrebbero plaudire alla sosta a pagamento che scoraggia l’utilizzio dell’auto, ma si uniscono invece al coro delle critiche sul rincaro della tariffe.

I commercianti esprimono  pareri diversi e perfino divergenti. A Portofino l’unico modo di sostare è pagare 5 euro l’ora (o frazione) perchè chi arriva deve essere in grado di spendere; chi vuol gustare solo il panorama arriva in bus o battello. A Camogli prevale il parere dei venditori di focaccia e quindi è l’unicio comune dove si trovano posteggi completamente gratuiti in pieno centro. Rapallo, nelle sue aree a pagamento, concede la sosta gratuitamente se uno impiega meno di venti minuti a fare la spesa o una commissione.

A Chiavari, Recco, Santa Margherita  e Sestri Levante nelle ore di punta la domanda è certamente assai superiore all’offerta; il che dovrebbe convincere gli utenti a soste più brevi o a cercare un posteggio periferico. La sosta breve favorisce certamente il commercio. Zoagli ha creato il posteggio più simpatico, quello sotto la piazza sul mare che ha incentivato l’arrivo di visitatori.

I residenti hanno il sacro diritto di avere posteggi loro riservati o la sosta con sconto in centro, come avviene in quasi tutti i Comuni, ma non in tutti. L’ultima petizione per avere posteggi destinati ai residenti a Sori. A Camogli tre anni fa la richiesta per ampliarli fu approvata in consiglio comunale, ma poi disattesa.

Nessuno però vuole importare il modello “Cinque Terre” dove lo scorso anno sono arrivati due milioni di turisti; quasi tutti in treno o via mare perché i pochi posteggi esistenti sono pochissimi e quasi tutti in collina.  Qui commercianti e operatori turistici sanno come attirare clienti anche senza poter contare sui parcheggi.

m.m.