Macchiavello: "Terzo valico e gronde opere fondamentali" - LevanteNews
LA REDAZIONE
010 8935042 Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Macchiavello: “Terzo valico e gronde opere fondamentali”

Riceviamo e pubblichiamo

Gianni Macchiavello, Consigliere Regionale nonché candidato alle prossime Elezioni Regionali per il Pdl interviene nel dibattito relativo allo opere infrastrutturali necessarie per il rilancio della Liguria e del Tigullio.
«Terzo Valico, Gronda di Ponente e Gronda di Levante sono i progetti che ritengo fondamentali per migliorare la qualità della vita e per garantire nuovi posti di lavoro – precisa Macchiavello – Reputo necessario realizzare il collegamento costa-entroterra con il tunnel Rapallo-Fontanabuona integrato in un sistema viario che preveda la costruzione della Gronda di Levante. Parallelamente bisogna ripartire con efficacia per creare il tunnel fra Rapallo e Santa Margherita, fondamentale per il Tigullio Occidentale.
I problemi riguardano la viabilità specialmente nelle ore di punta. «Ormai non si può più aspettare, i cittadini hanno perso la pazienza e li capisco. Bisogna potenziare e ammodernare la viabilità esistente nell’entroterra (Valli Fontanabuona, Sturla, Aveto e Graveglia) con il proseguimento di Viale Kasman e modificando il tragitto Sestri Levante-Varese Ligure-Passo Cento Croci per arrivare ad un rapido collegamento con la Val di Taro (provincia di Parma) attraverso la SP 523 – puntualizza Macchiavello – Mi batterò anche affinché in tempi rapidi si arrivi alla costruzione dei nuovi svincoli autostradali del Tigullio (Rapallo e Lavagna) con adeguamento della viabilità accessoria». I problemi da risolvere soprattutto nel Tigullio non riguardano solo gli automobilisti ma anche chi si sposta in treno. «Purtroppo la situazione dei pendolari, sia a lunga percorrenza cha a breve, non è affatto migliorata. In questi cinque anni gli interventi della Regione  sono stati del tutto inutili, tant’è vero che i treni continuano a viaggiare in ritardo, quando non vengono soppressi senza preavviso, le condizioni igieniche sono inacettabili e i servizi più che scadenti. Mi impegnerò affinchè si ponga fine a questi disagi che quotidianamente i pendolari debbono sopportare, così come mi impegnerò – conclude Macchiavello – affinchè Governo, Regione e gli Enti preposti ripristino i collegamenti ferroviari del Tigullio con le principali città italiane (Milano-Roma) e dotino le rispettive stazioni degli adeguati servizi per i passeggeri».