Levanto:ripresi i lavori al palazzo comunale. - LevanteNews
LA REDAZIONE
010 8935042 Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Levanto:ripresi i lavori al palazzo comunale.

Sono ripresi in piazza Cavour i lavori di ristrutturazione del palazzo municipale.

Il progetto complessivo, del costo di 320 mila euro, prevede la messa in sicurezza dell’edificio secondo le più recenti norme di legge e alcuni interventi di risanamento e restyling finalizzati a rendere gli spazi più funzionali e a riportare la pianta dell’antico convento delle Clarisse alle condizioni originarie.

Il cantiere del primo lotto (135 mila euro) è stato aperto nell’ala nord (l’ex caserma dei Carabinieri) del complesso, e prevede innanzitutto il recupero del piano ammezzato, con la trasformazione degli 80 metri quadrati disponibili in spazi con pavimenti in ardesia e marmo che ospiteranno il settore Urbanistica, la costruzione di una scala di accesso e l’abbattimento delle barriere architettoniche attraverso l’installazione di un ascensore a servizio dell’intero palazzo municipale che potrà essere utilizzato anche dalle persone disabili.

Quindi si passerà all’ala che ospita gli uffici dell’amministrazione comunale.

Qui verrà abbattuto il muro che separa la sala dell’ex archivio storico dal corridoio, allargando quest’ultimo per riportarlo alla configurazione originaria.

Nello stesso tempo verrà interessata da un’operazione di restyling anche la scala d’ingresso a questa porzione dell’edificio.

Una ristrutturazione completa è prevista anche per tutti i servizi igienici, mentre le tubature dell’impianto di riscaldamento, che ora corrono in alto sui muri, verranno nascoste alla vista incassandole nel pavimento (in corrispondenza del corridoio “allargato”) o “velandole” con appositi materiali.

I lavori del primo lotto saranno consegnati nel prossimo mese di agosto, ma nel frattempo andrà in appalto anche la seconda parte del progetto: quella  relativa alla messa in sicurezza degli impianti elettrici e delle vie di fuga su tutto l’edificio.

                                                                                                   Guido Ghersi