Usucapione tra gli ulivi di San Fruttuoso - LevanteNews
LA REDAZIONE
010 8935042 Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Usucapione tra gli ulivi di San Fruttuoso

Riceviamo e pubblichiamo

Il più classico dei torti a 10 anni dall’inizio dei lavori di recupero, privatizzato l’oliveto storico di San Fruttuoso.L’oliveto storico alle spalle dell’abbazia di San Fruttuoso non è più di proprietà regionale. La cooperativa Il Giardino del borgo che dal 2000 lo coltiva dopo averlo recuperato da 20 anni di abbandono rischia di perderlo per sempre.

Nel novembre scorso, casualmente veniamo a conoscenza che una parte consistente degli oliveti ( 1,5 ettari) che abbiamo recuperato in 10 anni di lavoro e che dal 2003 abbiamo in regolare affitto dalla Regione Liguria non è più di proprietà regionale, questo in forza di una sentenza a seguito di una causa di usucapione. Lo sconforto tra i soci della cooperativa è grande. Non riusciamo a capire come possa essere successo un fatto così grave a nostra insaputa. Il terreno oggetto di usucapione nel 2000, quando abbiamo iniziato a lavorare, si trovava in completo abbandono ed è servito un anno di lavoro per portarlo di nuovo in produzione. La causa è iniziata nel 2006 e si è conclusa nel 2009 senza che la proprietà (società Pietrestrette srl amministrata da ARTE di Genova) facesse resistenza e opposizione alla sentenza sfavorevole. In questi mesi stiamo facendo tutto quanto è in nostro potere per far si che questi terreni possano tornare di proprietà pubblica e quindi nella nostra disponibilità. Anche la Regione, consapevole dell’errore compiuto, sta affrontando il problema, fino ad oggi però senza risultati. Pensiamo che la perdita di questi terreni sia grave non solo per noi che ci lavoriamo ma anche per chi ancora crede nel valore di ciò che non è “privato”. Un oliveto storico riportato alla produzione è anche un “simbolo” che dispiace perdere per distrazione. Confidiamo che dai tanti soggetti istituzionali coinvolti nel progetto e da chi ha a cuore questo angolo di Liguria ci sia maggiore attenzione anche se si tratta solo di 500 piante di olivo prima dimenticate poi riscoperte che rischiano un secondo e definitivo abbandono. 

Per approfondire: Laboratorio: via E.Figari, 76 16032 Camogli tel 010 8939754 fax 1786046044 A gririfugio Molini: loc. San Fruttuoso di Camogli tel 0185 772291 fax 1786046044 www.ilgiardinodelborgo.it  – info@ilgiardinodelborgo.it s kype:ilgiardinodelborgo