Il mare da Levanto alle Cinque Terre a Rete4 - LevanteNews
LA REDAZIONE
010 8935042 Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Il mare da Levanto alle Cinque Terre a Rete4

     A Levanto, nei giorni scorsi, una troupe del popolare programma di Mediaset, “Pianeta Mare”, in onda alla domenica alle 11 su Rete4, ha prodotto un filmato sul fronte a mare. In particolare nella zona est della “Pietra”. Le immagini di Levanto verranno usate, per quattro puntate, nell’ambito di dodici clips intitolate “Rispettare il mare”, che andranno in onda in coda al programma.

     <<Si tratta di una serie di consigli su come rispettare l’ambiente marino in tutti i suoi aspetti – ha spiegato l’autore e regista, il levantese, ufficiale della Marina Militare, Lucio Borniotto, coadiuvato dal noto Dino Emanuelli – Levanto è stata scelta per la qualità delle sue acque e per la sua luce che ne fanno un location ottimale>>. In Liguria, le altre tre località scelte per analoghi video sono Chiavari, S.Margherita Ligure e Portofino. Le clips, una volta trasmesse, potranno essere riviste su internet all’indirizzo: http://www.tv.mediaset.it/rete4/pianeta_mare/.

     Alle Cinque Terre, l’”Area Marina Protetta”, ospiterà un progetto sperimentale di monitoraggio dei parametri geofisici del fondale marino. L’intervento denominato “Insas”, ha come partner l’”Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia”, il “Politecnico” di Milano, “Tecnomare” e l’E.N.I.”. Il progetto ha lo scopo di valicare un’innovativa tecnologia per la misurazione della deformazione e variazione altimetri dei fondali marini.

     Per la prossima estate, sempre l’”Area Marina Protetta” ha aderito al progetto “For-mare”, per conoscere e conservare la biodiversità marina. Il programma è in collaborazione con il “Centro Ricerche Ambiente Marino” dell’Enea di S.Teresa di Lerici. L’obiettivo è la formazione di studenti universitari, docenti e cittadini interessati alla conoscenza e conservazione della biodiversità, attraverso la realizzazione di stage didattici estivi in “aree marine protette”, parchi nazionali e regionali. I corsi “For-mare” parteciperanno anche alla raccolta dati per importanti programmi internazionali quali “Jellywatch program” della “Ciesm” e “The Mediterranean Science Commission e per progetti di dottorato, nazionali ed internazionali. L’iniziativa è stata presentata, giorni addietro, in occasione dell’”Eudi Show” di Bologna. Per informazioni ed iscrizioni(entro e non oltre la fine del corrente mese di febbraio), consultare il sito :www.for-mare.eu.

                                                                                                   Guido Ghersi