Chiavari, tensione alla Lames - LevanteNews
LA REDAZIONE
010 8935042 Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Chiavari, tensione alla Lames

La  “Lasme” di Melfi, appartenente alla “Holding Lames” che fa capo ai fratelli Pellegri, chiude i battenti mettendo in mobilità i suoi 174 aperai, sette dei quali sono saliti sul tetto della fabbrica e protestano contro la chiusura, come hanno documentato i Tg nazionali.

Tra le ipotesi l’arrivo a Chiavari degli operai e delle loro famiglie per protestare contro la chiusura dello stabilimento che, come quello “Lames” di Chiavari, produce alzacristalli per l’industria automobilistica. La questura di Genova è allertata e segue con attenzione l’evolversi della situazione.

La “Lames”, che dovrebbe lasciare la sede di Chiavari per trasferirsii in un terreno al confine tra Leivi e San Colombano Certenoli, ha 245 dipendenti; 35 sono impiegati nella holding.

In un’intervista, Sergio Ghio segretario comprensoriale Cgil, ha detto di essere in costante contatto con l’amministratore delegato della “Lames” Paolo Davini e con gli stabilimenti di Melfi e quello brasiliano.

C’è anche chi ipotizza che parte dei lavoratori licenziati a Melfi potrebbero essere riassunti a Chiavari (soluzione respinta a Melfi). La fabbrica chiavarese negli ultimi anni aveva assunto a tempo determinato, senza poi rinnovare il contratto, una cinquantina di dipendenti. Il settore è legato a quello dell’auto e ne segue le fortune. Recentemente i dipendenti di Chiavari avevano subito 13 settimane di cassa integrazione, a rotazione; ora sono tutti rientrati al lavoro.

m.m.