Pioggia di quattrini nelle valli del Tigullio - LevanteNews
LA REDAZIONE
010 8935042 Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Pioggia di quattrini nelle valli del Tigullio

VARIE 365

Pronto il bando predisposto dal Gal “Valli del Tigullio”, creato per l’occasione, previsto dal Piano di sviluppo rurale per il rilancio dell’entroterra. Si tratta di 4 milioni e 300 mila euro che riguardano ben dieci comuni: Borzonasca, Mezzanego, Ne, Rezzoaglio, Santo Stefano, Casarza Ligure, Castiglione Chiavarese, San Colombano , Fontanigorda e Rovegno. Otto i settori d’intervento: si passa dall’accrescimento del valore aggiunto dei prodotti agricoli e forestali all’incentivazione delle attività turistiche, tanto per citare due delle “tipologie di misure” per le quali sono fissati cospicui finanziamenti. I bandi sono aperti a soggetti pubblici e privati. <Una novità interessante – spiega Danilo Repetto attuale sindaco di Mezzanego e presidente della Comunità Montana Aveto Graveglia Sturla quando la Regione Liguria ha concesso il finanziamento – riguarda i privati che possono realizzare gli investimenti tramite lavoro volontario non retribuito (lavoro in economia)>.

uscio 110

Insomma una possibilità concreta di interventi mirati a superare spesso invalicabili procedure burocratiche. Gli investimenti oggetto degli aiuti devono essere mantenuti in efficienza e nel rispetto della loro destinazione d’uso per la durata di dieci anni nel caso di beni immobili e di cinque nelle altre realtà a decorrere dalla data di accertamento dell’avvenuta esecuzione. <Una grande opportunità per le nostre valli – spiega il consigliere regionale Ezio Chiesa presente ieri alla conferenza stampa dove sono stati annunciati i bandi – che permette di continuare l’azione di rilancio intrapresa negli ultimi anni>. Ben 850 mila euro riservati all’incentivazione delle attività turistiche sono una cifra importante, permette a molte persone che vivono nell’entroterra di incrementare il proprio reddito. Due le modalità d’accesso: “a sportello” e “ a bando”. Le istanze devono essere presentate entro la fine di novembre nel primo caso, mentre per quanto riguarda i bandi, un mese prima. <Le date – afferma Marco Bertani neo presidente della Comunità Montana – non hanno carattere perentorio il Gal si riserva di riaprire i termini in relazione al numero di istanze pervenute ed alla rimodulazione finanziarie delle varie misure>. Previsti inoltre aiuti alla creazione e allo sviluppo di micro imprese ed alla possibilità di diversificare l’attività al di fuori dell’ambito agricolo. Un programma teso a bloccare lo spopolamento verificatosi sino alla fine del secolo scorso ed ancora in atto in alcune frazioni particolarmente disagiate. Gli uffici della Comunità Montana Aveto Graveglia Sturla sono disponibili per qualsiasi informazione.