Santa Margherita ricorda Gianfranco Pastine - LevanteNews
LA REDAZIONE
010 8935042 Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Santa Margherita ricorda Gianfranco Pastine

Lunedì 17 agosto, alle 21, nella splendida cornice di Villa Durazzo a Santa Margherita si terrà un recital in memoria del grande tenore sammargheritese  Gianfranco Pastine. All’evento, voluto dalla famiglia dell’artista e al quale il Comune ha dato il patrocinio, parteciperanno ex allievi e  colleghi dell’indimenticato tenore morto proprio il 17 agosto dello scorso anno.

In tale occasione la moglie di Gianfranco Pastine, Maria, farà dono a tutti gli intervenuti di una preziosa pubblicazione a numero limitato “Gianfranco Pastine, tenore” curata da Emilio Carta (Officine Grafiche Canessa, Rapallo, 80 pagine) contenente la biografia dell’artista e ricca di immagini, molte delle quali inedite, tratte dall’archivio familiare.

Sarà un vero e proprio recital diviso in due parti: nella prima si esibiranno sia i musicisti che l’hanno accompagnato negli anni della sua prestigiosa carriera e durante i corsi di perfezionamento da lui tenuti proprio a S. Margherita, sia molti suoi ex allievi oggi inseriti con successo nel mondo della lirica. Nella seconda canteranno alcuni colleghi del tenore tra cui il baritono Roberto Sèrvile e Tiziana Ducato, soprano.

Il Lions Club S.Margherita Ligure-Portofino, attualmente presieduto da Marina Ricci Mortola, offrirà alla moglie del tenore Gianfranco Pastine, Maria Pastine, una preziosa targa e una pergamena a ricordo dell’attività dell’artista e della grande opera di divulgazione della musica lirica da lui portata avanti in tanti anni di carriera.

“Dalla Scala di Milano al Regio di Parma, dal San Carlo all’Arena di Verona sino al Teatro Colòn di Buenos Aires e al Metropolitan di New York, per finire alla nostra Villa Durazzo – spiega l’assessore al Turismo e Cultura, Alberto Fustinoni – Queste alcune delle tappe della carriera di un sammargheritese illustre che come tale ha portato in giro per il mondo il nome della nostra città. E Santa Margherita non poteva dimenticare, assieme alla famiglia del grande tenore, quanto da lui realizzato in tanti anni di appassionato amore per la lirica”.