Sub morto, sequestrati alcuni natanti - LevanteNews
LA REDAZIONE
010 8935042 Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Sub morto, sequestrati alcuni natanti

Sarà l’autopsia a stabilire se Stefano Ferri, l’idraulico genovese morto martedì sera a Mulinetti mentre effettuava una battuta di pesca sub in apnea, sia stato ucciso dall’elica di un natante o se le ferite siano state riportate per altra causa o, infine, se l’elica lo abbia colpito quando era già morto.

L’ipotesi è che il sub trentottenne sia stato colpito dal piede del motore e dall’elica di una piccola imbarcazione. Sarà il medico legale Marco Salvi ad effettuare l’autopsia domani, coadiuvato da un tecnico, un ingegnere esperto di motori nautici.

A Camogli intanto la Guardia costiera, che svolge le indagini coordinate dal sostituto procuratore Giovanni Arena, ha sequestrato alcuni gommoni e identificato i loro proprietari, che potrebbero, il condizionale al momento è di rigore, essere stati coinvolti nel supposto incidente. Le eliche dei natanti sequestrati, infatti, presentano irregolarità dovute all’impatto, probabilmente con “detriti” galleggianti come legname; è difficile, infatti, ipotizzare che l’urto con un corpo umano possa modificare il profilo di una pala d’elica. Ma ogni ipotesi deve essere appurata.

Indagini sono anche in corso per verificare se Stefano Ferri aveva segnalato la propria presenza con il prescritto pallone e se, in tal caso, il segnale sia stato portato via da chi era sull’ imbarcazione che, in questo caso, sarebbe certamente “pirata”.

Nel pomeriggio la Capitaneria di porto di Genova ha invitato chiunque avesse assistito all’incidente o fosse informato dell’accaduto, a darne comunicazione con urgenza ai propri uffici situati a Genova in via Magazzini generali 4 nel Porto antico; oppure di informare via fax ai numeri 010 – 261064 o 010 – 2777386 o di darne notizia  all’indirizzo mail genova@guardiacostiera. it.

La Capitaneria di porto di Santa Margherita Ligure, che ha giurisdizione nel tratto tra Portofino e Moneglia  (esclusa quindi la zona di Recco), ha emesso stamane un’ordinanza restrittiva per tutelare maggiormente la sicurezza dei sub, a partire dalla segnalazione della loro presenza..