Lavagna, Sestri, Rapallo: "fiumi di birra" - LevanteNews
LA REDAZIONE
010 8935042 Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Lavagna, Sestri, Rapallo: “fiumi di birra”

Da una parte ci sono le campagne ministeriali contro l’uso di alcol, le pene severissime per chi guida ubriaco o abbia semplicemente bevuto “un goccio”, i gestori di pubblici esercizi che devono osservare tutta una serie di norme e guardarsi bene dal servire alcolici ai minori, costosi bus per evitare incidenti all’uscita dalle discoteche, persone distrutte dalla dipendenza, comitati che tentano il difficile recupero. Dall’altra parte c’è una incomprensibile zona franca, dove viene incentivato spudoratamente l’uso di alcol.

Altro che successo della festa hawaiana a Sestri Levante; quanto all’abuso di alcol il bilancio è stato assolutamente negativo ed i risultati sotto gli occhi di tutti. A Lavagna il sindaco ha emesso un’ordinanza per limitare la prostituzione, ma alla festa della “torta” si è sottolineata con forza la creazione di una nuova birra col marchio dei Fieschi. A Rapallo in occasione della festa di San Rocco, si raccolgono fondi per il restauro delle vetrate policrome della chiesa con una serata (domenica 16) a base di trofie al pesto e “fiumi di birra”. Sembra che una signora della parrocchia  si sia ribellata e chiesto la ristampa dei manifesti, ma fino ad ora sono affissi i vecchi e speriamo che i “Maghi di Carroz” che si esibiranno la sera di domenica, facciano sparire anche i fiumi di birra.

Abbiamo citato solo alcuni casi. Una festa all’insegna della birra è in programma anche a Camogli, Comune che, quanto a manifestazioni, voleva “volare alto” e sta facendo la fine di Icaro. Fiumi di birra anche in molte sagre; senza nessun controllo, naturalmente.

m.m.