Mussolini e la sua presenza nel Levante - LevanteNews
LA REDAZIONE
010 8935042 Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Mussolini e la sua presenza nel Levante

“Mussolini e la sua Liguria” racconta in maniera scorrevole la presenza del Duce nella nostra regione attraverso un’attenta documentazione. Non potevano mancare le visite nel Levante corredate da interessanti immagini. A Levanto dove trascorse le vacanze e dove, prima della marcia su Roma, anticipò la sua strategia per affermarsi quale capo del governo; a Rapallo dove nel 1925 incontrò il ministro inglese Chamberlain.

Durante la sua seconda visita ufficiale a Genova nel 1938, Mussolini fece tappa nel Levante salutato da una folla esaltata ed esultante. Lungo l’Aurelia da Boglisco a Pieve Ligure, Sori, Recco, Ruta, San Lorenzo della Costa e poi Santa Margherita, Rapallo, Zoagli, Chiavari fino a Sestri Levante, inaugurando diversi edifici, intrattenendosi con le autorità, rispondendo ai saluti della gente assiepata per vederlo. A Chiavari visitò anche la Cattedrale, unica visita ad un luogo di culto.

Marco Massa, oltre affidarsi alle cronache del tempo, riferisce anche episodi non documentati, ma tramandati oralmente. Ad esempio le visite in incognito a Rapallo e Santa Margherita; il ricorso ad un mago di San Lorenzo della Costa per tentare di migliorare le condizioni della figlia colpita da poliomelite. La notte galante trascorsa in un appartamento di Recco, dopo avere abbandonato la Prefettura dove alloggiava di nascosto, durante la visita del 1938. Ancora un suo passaggio in incognito lungo l’Aurelia blindata nel 1944, quando ormai le sorti della guerra erano segnate.

Il volume, edito da De Ferrari, costo 14 euro, è disponibile nelle librerie o su Internet.

m.z.