Boitano festeggia la presidenza del Bim - LevanteNews
LA REDAZIONE
010 8935042 Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Boitano festeggia la presidenza del Bim

PREMIO LETTERARIO COLONIA ARNALDI 2008 693

 Giovanni Boitano fa poker. Per la quarta volta consecutiva il sindaco di Favale e coordinatore provinciale del Popolo delle Libertà è stato eletto residente del Consorzio Bacino Imbrifero Val Trebbia. Il Consorzio vede al suo interno la presenza di ben quindici comuni: Fascia, Favale, Fontanigorda, Gorreto, Lorsica, Moconesi, Montebruno, Neirone, Orero, Propata, Rezzoaglio, Rovegno, Rondanina, Santo Stefano e Torriglia. <Sono soddisfatto – spiega Boitano – i colleghi hanno riconosciuto il lavoro svolto in tutti questi anni nell’interesse delle popolazioni residenti nei Comuni che fanno parte del Consorzio>. Boitano fa anche parte della giunta esecutiva di Federbim l’ associazione nata nel 1962 con lo scopo di rappresentare a livello istituzionale centrale le problematiche dei vari Consorzi. Oltre Boitano l’assemblea dei sindaci ha eletto consiglieri: Ercole Franceschi (Fontanigorda) e Armando Berneri (Rezzoaglio). Revisori dei conti: Giuseppe Maggiolo (Santo Stefano) Sergio Capelli (Gorreto) e Enrico Arata (Orero). Scopo del Consorzio attuare iniziative intese a favorire il progresso economico e sociale delle aree interessate attraverso la realizzazione di importati opere, quali ad esempio: strade, acquedotti servizi di depurazione pubblica illuminazione ed una serie di interventi per la valorizzazione delle zone montane. Detti compiti vengono assolti con l’utilizzo dei sovracanoni elettrici derivanti dalla produzione di energia idroelettrica da parte delle centrali ricadenti nei territori dei Comuni. Il disegno di legge predisposto dal ministro alla Semplificazione Roberto Calderoli ne prevede però la soppressione al pari delle Comunità Montane.