Ha 107 anni, le scippano la tomba - LevanteNews
LA REDAZIONE
010 8935042 Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Ha 107 anni, le scippano la tomba

di Marco Massa

portofino 006

Ci risiamo. Questa volta dalla lapide, all’ingresso del piccolo cimitero di Portofino, hanno cancellato con uno strato di intonaco il suo nome,  Carla Porta Musa, e la data di nascita, 1902.  Già una volta, credendola defunta, le avevano occupato abusivamente il loculo.

 Lei, dalla sua abitazione di Como, fa sapere che chiederà spiegazioni in Comune. Certamente le esigerà, perchè, nonostante l’età anagrafica, non ha mai perso la sua verve. Scrittrice, cugina del regista Dino Risi e amica di personaggi del calibro di Benedetto Croce, Salvatore Quasimodo, Maria Callas, Giorgio De Chirico ed Indro Montanelli, ha pubblicato il suo ultimo volume due anni fa.

La tomba di Portofino l’aveva acquistata nel 1947 per interessamento dell’allora parroco don Evandro Bogiano Pico; l’aveva pagata 15.000 lire. Carla Musa, vedova Porta, nel 1970 scende a Portofino e trova che la sua nicchia è occupata dai resti di tale Pietro Denaro. Il sindaco Prospero Velo (oggi sepolto in un loculo accanto al suo) le spiega che la credevano morta e sepolta altrove.

La scrittrice, fatta liberare la tomba, vi fa apporre una lapide con il suo nome e la data di nascita. Dopo quasi quarant’anni il nuovo giallo. Chi ha dato ordine di intonacare la tomba cancellando il nome della legittima proprietaria? E’ quello che Carla Porta Musa, una memoria ed una volontà di ferro, vuole sapere.