Fossati a Portofino. Chi ci guadagna? - LevanteNews
LA REDAZIONE
010 8935042 Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Fossati a Portofino. Chi ci guadagna?

di Marco Massa

Martedì 14 luglio recital, in piazzetta a Portofino, di Ivano Fossati. Il concerto nell’ambito della rassegna “Un palco sul mare” alla quale hanno aderito Moneglia, Sestri Levante, Chiavari, Santa Margherita, Portofino, Camogli, Sori e, nel Ponente, Arenzano e Cogoleto. Rapallo ha preferito percorrere altre strade ed ha certamente fatto prima i propri conti.

E di costi si sa ben poco, perché l’iniziativa parte dalla Provincia i cui compiti non sono certo quelli di organizzare spettacoli. Ed è assurdo, ad esempio, che un contribuente paghi alla Provincia annualmente 115 euro per un passo carrabile sulla strada della Scoglia, quando poi la Provincia li spende in maniera almeno bizzarra. Non si sa quanto esattamente spenda la Provincia, se indica una gara di appalto per organizzare questo evento che certro interesserebbe a molti agenti di spettacolo. Non si sa, finché non saranno visibili le varie delibere, quanto queste serate costino ai singoli Comuni e se giudicano davvero conveniente adere al “Palco sul mare”. Il caso di Rapallo fa riflettere.

Per quanto riguarda Portofino, riteniamo che finisca sulle tv nazionali se invita Madonna; con Ivano Fossati si crea solo problemi di traffico e logistica. L’amatissimo cantautore genovese, pezzo da novanta della rassegna estiva, avrebbe valorizzato meglio altri Comuni che hanno bisogno di serate di grande richiamo. Portofino vive del fascino dell’ambiente e non ha bisogno di Fossati così come il cantante non ha bisogno di andare a Portofino per farsi conoscere. Non pretendiamo di dire cose sensazionali, ma di sottoporre al lettore motivi di discussione. Pronti a pubblicare il parere di chi la pensa in maniera differente.